vaccino obbligatorio

Vaccinazioni obbligatorie e facoltative

Vaccinazioni obbligatorie e facoltative

La legge sui vaccini obbligatori in Italia è cambiata a partire da luglio 2017. Vediamo insieme cosa riporta il Ministero della Salute a riguardo. Ecco tutto ciò che una mamma dovrebbe sapere prima che il bambino inizi ad andare a scuola.

Vaccini obbligatori

Le vaccinazioni obbligatorie nel nostro Paese sono passate da 4 a 10. In aggiunta all’anti-epatite B, all’anti-tetanica, all’anti-poliomielitica e all’ anti-difterica, ora sono previsti anche i vaccini contro: pertosse, HIB, varicella, morbillo, parotite e rosolia. L’aver fatto questi vaccini è diventato ormai un requisito necessario per l’immissione all’asilo nido e alla scuola dell’infanzia. Chi non ha questi vaccini non può andare a scuola: queste le nuove direttive legge da luglio 2017.

vaccino obbligatorio scuola

Vaccino esavalente

Per evitare che il bambino si sottoponga a più iniezioni, è prevista una vaccinazione esavalente. Essa include i seguenti vaccini: anti-difterica, anti-tetanica, anti-pertosse, anti-Haemophilus influenzae tipo B (HIB), anti-epatite b e anti-poliomielitica. Il vaccino prevede tre dosi ed è somministrato nel primo anno di vita del bambino per via intramuscolare nella faccia antero-laterale della coscia. Per l’HIB e l’epatite B non sono necessarie altre dosi in futuro. Mentre per il richiamo antitetanica ed il richiamo della poliomielite, difterite e pertosse; la dose va iniettata a 6 anni.

Vaccinazioni obbligatorie

Il Ministero della Salute è intervenuto per fronteggiare il calo di vaccinazioni e l’aumento di vittime per malattie infettive. Basti pensare agli innumerevoli casi di morbillo registrati quest’anno anche nel nostro Paese. Il vaccino anti-morbillo è stato sempre offerto gratuitamente dal nostro Servizio Sanitario Nazionale ma era facoltativo. Invece da luglio 2017 rientra nella vaccinazione obbligatoria da fare.

Vaccinazioni

I vaccini sono un potente strumento di prevenzione che stimola il nostro sistema immunitario. Sebbene siano stati dichiarati sicuri ed efficaci dal nostro SSN, come tutti i farmaci non sono esenti da rischi. Esistono delle controindicazioni da dover tenere conto.

Se dopo il primo vaccino ci si accorge di un’innalzamento della temperatura corporea, non c’è nulla di cui preoccuparsi. Febbre, malessere, gonfiore e arrossamento post-iniezione possono verificarsi subito dopo la vaccinazione. Queste reazioni sono lievi e risultano come reazioni immunitarie al vaccino stesso.

vaccini obbligatori

Vaccini neonati

Nel corso del primo anno di vita è prevista la prima vaccinazione per il bambino. In ogni caso, l’Azienda Sanitaria Locale si impegnerà a comunicare dove e quando presentarsi con il bambino. Ogni vaccino obbligatorio è gratuito ed offerto dal nostro Sistema Sanitario Nazionale.

Calendario vaccinazioni

Il Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale mette a disposizione il calendario vaccinale con l’elenco dei vaccini da somministrare. Il Calendario 2017 è consultabile sul sito del Ministero della Salute (www.salute.gov.it/vaccini) o telefonando al numero verde della pubblica utilità, ovvero lo 1500.


Leggi anche: Vaccini obbligatori solo in Italia e non in altri paesi, il motivo


Primo vaccino neonato

Al termine del secondo mese al neonato viene somministrata la prima dose della vaccinazione esavalente. Le altre due dosi sono poi previste entro il primo anno di vita ed il richiamo a 6 anni. Invece per la vaccinazione tetravalente sono previste soltanto due dosi: la prima da somministrare entro il II anno di vita e la seconda direttamente a 6 anni.