foto_charlie

Vaccinate i bambini per chi non può essere vaccinato: l’appello di una mamma

Vaccinare è un atto di amore, non solamente nei confronti dei propri figli. Scegliere di rendere immuni i propri bambini salverà la loro vista e non solo. Ci sono infatti bambini che purtroppo non possono essere vaccinati e a causa di soglie di immunità sempre più basse rischiano ogni giorno la vita perché hanno tante, tantissime probabilità di contrarre una patologia per la quale non possono fare il vaccino. È la storia ad esempio di Charlie, un bimbo australiano che a causa di una malattia non può essere vaccinato.

La storia di Charlie, affetto da una patologia cardiaca

Charlie è un bambino pieno di vita che ama giocare con suo fratello e sua sorella, con gli animaletti, con gli altri bambini e con i giocattoli. È un bambino pieno di gioia e affetto, un bambino di 18 mesi che da quando è nato combatte con una malattia. Charlie è nato con un difetto cardiaco dovuto ad una condizione genetica. Ha subito 6 operazioni, delle quali 3 a cuore aperto. Tante volte ha rischiato di morire e altrettante volte medici e infermieri in gamba lo hanno salvato.

La maggior parte della sua vita Charlie l’ha passata nell’ospedale pediatrico di Westmead, a più di tre ore da dove la famiglia abita. Ma i genitori non lo lasciano solo un istante.

Charlie non può essere portato a casa perché per lui ci sono tantissimi rischi. Controllare il by-pass o le sue crisi epilettiche non sono l’unico ostacolo che la famiglia deve superare. Ce n’è un altro, più nascosto ma altrettanto pericoloso, ed è rappresentato dai bambini non vaccinati.

Il cuore di Charlie è così fragile e il suo corpo così debilitato che anche venire a contatto con qualcuno che ha un raffreddore rappresenta un pericolo per lui. Charlie spesso anche solo per un mal di gola finisce per settimane in ospedale e deve essere attaccato alla bomboletta d’ossigeno, e il suo cuore rischia di cedere.
Il corpo di Charlie non potrebbe sopravvivere a malattie come morbillo o rosolia. Ma Charlie non può essere vaccinato. Per questo ha bisogno che gli altri bambini lo siano.

L’appello disperato della mamma di Charlie

La mamma di Charlie ha lanciato un appello, dicendo agli altri genitori che hanno bisogno del loro aiuto. Se gli altri bambini fossero vaccinati per Charlie non ci sarebbe alcun pericolo di contrarre malattie che possono essere fatali per lui. Vaccinare i propri figli vuol dire salvarli, ma salvare anche Charlie e tutti i bambini che come lui ogni giorno combattono contro una malattia troppo grande che non permette le vaccinazioni.