neonata sfregiata cesareo

Sfregiata in volto alla nascita. I medici alla neo-mamma: “La neonata si è mossa troppo!”

È accaduto in Russia, all’ospedale pubblico di Kyshtym.

Una neonata è venuta al mondo riportando un brutto taglio sotto l’occhio. Quando la mamma l’ha presa in braccio ha subito notato la ferita e ha chiesto spiegazioni ai medici.

La loro risposta è stata:

Ci dispiace, la bimba si è mossa troppo durante la manovra. Non avrebbe dovuto!

Il racconto della neo-mamma

La notizia è stata diffusa dai media russi e, ripresa dal Daily Mail, ha subito fatto il giro del mondo.

Darya Kadochnikova, la neo-mamma di 19 anni, ha raccontato di aver concordato in precedenza un parto naturale ma, giunta in ospedale, a causa di alcune complicanze dovute alla posizione della bimba, i medici avrebbero deciso di ricorrere al parto cesareo.

La donna sarebbe stata addormentata con anestesia totale, dopo che l’epidurale non era andata a buon fine e, per questo, non si sarebbe accorta delle manovre eseguite dai dottori.

Al risveglio, oltre ad aver avuto la febbre alta, prendendo la bimba in braccio, avrebbe poi notato il taglio sul suo viso, sotto l’occhio destro.

A quel punto avrebbe chiesto spiegazioni ai medici che le avrebbero dato la risposta per nulla gradita dalla giovane mamma.

Darya ha denunciato la notizia alla stampa ma potrebbe essere intenzionata a intraprendere un’azione legale contro l’ospedale.

Se l’accertamento dei fatti dovesse effettivamente dimostrarne le colpe, l’ospedale rischierebbe un sostanzioso risarcimento in favore della donna.

neonata sfregiata cesareo

Leggi anche: Il chirurgo è ubriaco: mamma e figlia muoiono durante il cesareo

I casi simili

Quanto accaduto alla piccola bimba russa, purtroppo, non è un caso isolato.

Lo scorso agosto, sempre in Russia, un’altra neonata, la piccola Valenci, è stata sfregiata durante un cesareo d’urgenza. La piccola Valenci, figlia della 23 enne Amber Woollard, però, è stata ancora più sfortunata, perché dovrà subire, per i prossimi 3 anni, più di un intervento chirurgico, per risanare la ferita, profonda più di 2 cm.

Un episodio simile si è registrato, inoltre, proprio qualche giorno fa a Monselice, in provincia di Padova.

Qui, infatti, una donna, nonostante un cesareo concordato presso l’ospedale di Rovigo, in seguito a complicanze, avrebbe dato vita al bambino in ambulanza.

Il piccolo, però, sarebbe nato con braccia fratturate, la mano destra menomata e molteplici ematomi su tutto il corpo.

La neo-mamma ha provveduto a muovere una denuncia per “grave negligenza ospedaliera” nei confronti del personale sanitario.

Leggi anche: Bimba nasce tetraplegica per cesareo sbagliato: risarcimento da 5 milioni