secondo mese di gravidanza

Secondo mese di gravidanza: i sintomi e gli esami da fare in questo periodo

Gravidanza: secondo mese

Il 2 mese di gravidanza va da 4 settimane + 4 giorni a 8 settimane + 5 giorni. Si è nel pieno del primo trimestre. L’inizio del secondo mese di gravidanza, per una futura mamma, può essere segnato dal fatidico test che indica che si è in dolce attesa. Infatti, la fine del primo mese di gestazione e l’inizio del secondo, è il momento in cui ci si accorge dell’assenza delle mestruazioni. Nonostante il dolore al basso ventre, che si avverte prima dell’inizio delle mestruazioni, queste non arrivano. In effetti i dolori mestruali in gravidanza, soprattutto nelle prime fasi, sono davvero molto comuni e possono trarre in inganno, fino alla fine del secondo mese di gravidanza. Dunque i crampi in gravidanza, non devono allarmare la mamma.

Per i futuri genitori la scoperta rappresenta un momento ricco di emozioni, ma anche di sbalzi di umore e preoccupazioni per la mamma in stato interessante. Scopriamo quindi cosa succede al corpo della mamma a inizio gravidanza, com’è un feto di due mesi e come si sviluppa.

Sintomi secondo mese gravidanza: ecco cosa avverte la mamma in questo periodo

Nel secondo mese gravidanza, sintomi comuni sono riconducibili a quelli delle mestruazioni. Dunque inizialmente il mal di pancia in gravidanza può essere confuso, portando a pensare che le mestruazioni arriveranno di lì a poco. Le più ansiose però provvederanno a effettuare il test pochi giorni dopo il ritardo, nonostante i dolori sotto la pancia. Nel secondo mese di gravidanza pancia gonfia, seno dolorante e teso, sono dunque da considerare normali. Vediamo quali sono altri sintomi:

  • Stanchezza molto accentuata, sonno e spossatezza sono più che normali a inizio gravidanza.
  • Tra i sintomi del secondo mese di gravidanza troviamo sicuramente la nausea, che non si presenta solo al mattino, ma nell’arco di tutta la giornata. Ovviamente ogni donna spera di essere fortunata e di poter vivere una gravidanza senza nausea. Essere incinta senza nausea è infatti possibile e non deve destare preoccupazioni.
  • Il vomito è un altro dei sintomi di gravidanza del secondo mese e non solo. Infatti, insieme alla nausea, può accompagnare la gestante nei mesi a seguire anche se tendenzialmente tende a sparire con l’inizio del secondo trimestre gravidanza.
  • Lo stimolo a urinare può essere una vera condanna per una donna che inizia il viaggio della gravidanza, in quanto si ritroverà a dover andare in bagno molto più spesso del solito.
  • Nel secondo mese di gravidanza sintomi comuni sono anche  vertigini e capogiri, che non devono allarmare.
  • Le voglie sono un altro cambiamento evidente a due mesi di gravidanza, e dunque ci si ritrova a desiderare un determinato alimento. Anche la fame in gravidanza tende a aumentare.
  • A 2 mesi di gravidanza, come vi abbiamo detto, anche il seno subisce dei cambiamenti. Oltre a essere gonfio e dolorante, l’aureola in gravidanza si scurisce e iniziano a formarsi i condotti per il latte.
  • Gli sbalzi di umore sono un altro sintomo che caratterizza la gravidanza.
  • A volte a inizio gravidanza possono esserci delle perdite da impianto, che vengono confuse con le mestruazioni. Non si avvertono però tendenzialmente dei dolori da impianto, se non quelli di cui vi abbiamo parlato, ovvero i dolori mestruali di inizio gravidanza.

Nel video che segue la Dott.ssa Stefania Piloni, ginecologa, parla delle perdite di sangue in gravidanza spiegando se e quando possa essere necessario preoccuparsi.

Leggi anche: Primo mese di gravidanza: sintomi, esami e consigli su come comportarsi

Dolori in gravidanza: bisogna preoccuparsi?

Il dolore alle ovaie in gravidanza, i dolori addominali in gravidanza così come i dolori alla pancia in gravidanza, possono essere considerati normali purché non siano troppo forti. In tal caso, meglio consultare il medico. Il mal di pancia a inizio gravidanza, come vi abbiamo detto, può essere molto simile ai dolori mestruali. I dolori alle ovaie in gravidanza possono accompagnarsi anche a quelli ai reni. Si possono avvertire delle piccole contrazioni uterine, dovute al fatto che l’utero si espande per far crescere il bambino. Dunque le future mamme non devono preoccuparsi più di tanto se avvertono questi dolori sotto la pancia in gravidanza. Inoltre i dolori di pancia in gravidanza possono dipendere da altri fattori riguardanti i cambiamenti generali nel corpo della donna:

  • mal di pancia in gravidanza dovuto alla diarrea: questo problema in gravidanza è tutt’altro che secondario. Infatti è un disturbo molto comune nel corso della gestazione e può dipendere da cause ormonali e non solo. Ad avere un ruolo importante è ovviamente anche l’alimentazione.
  • dolori basso ventre a inizio gravidanza dovuti a stipsi: così come la diarrea, anche la stitichezza può portare a dolori addominali in gravidanza. Le cause sono di tipo ormonale, e il progesterone ha un ruolo rilevante. Non è da sottovalutare però la crescita dell’utero, che inizia pian piano a premere sull’intestino portando alla stipsi e a dolori basso ventre gravidanza.
  • Pancia dura in gravidanza e pancia gonfia in gravidanza, la causa è il gas intestinale. La donna si sente davvero gonfia e ha dolori fastidiosi.

Leggi anche: Quinta settimana di gravidanza: tutto quello che c’è da sapere

mal di pancia in gravidanza

Gravidanza 2 mesi: gli esami da fare

Quali sono gli esami da fare in gravidanza in questo periodo? A 2 mesi di gravidanza bisogna iniziare a capire quali sono i passi da compiere. Sicuramente in questo periodo bisogna effettuare una prima visita ginecologica e dunque prendere l’appuntamento. Meglio però aspettare un po’ per poter valutare l’utero in gravidanza, e la sua crescita in questa fase. Inoltre prima di questo periodo, se si effettua un’ecografia, non è quasi possibile scorgere il piccolo.

Ecografia 2 mesi, quando farla? A 2 mesi di gravidanza si può svolgere un’ecografia intorno e non prima delle settimane 7-8 di gestazione. In questo periodo può essere visibile il piccolo nella camera gestazionale e generalmente si può anche ascoltare il battito cardiaco. Se così non fosse, non c’è da temere perché in questo periodo è molto frequente. Sarà il medico che effettua l’ecografia del secondo mese a valutare diversi parametri al fine di comprendere se il piccolo è in salute.

Gravidanza due mesi: quali sono gli esami da fare? All’inizio di questo secondo mese la futura mamma può fare, se ancora non ha provveduto, l’esame del sangue per vedere la presenza di Beta HCG nel sangue. Se si sospetta una gravidanza e si vuole provvedere a confermarla, bisogna contattare il proprio medico curante che prescriverà questo esame. Inoltre il medico potrà già prescrivere un emocromo completo e l’esame delle urine. Si può fare un esame del sangue per indagare il fattore RH, inoltre si possono fare rubeotest, toxotest e tutto ciò che il medico ritenga necessario in base alla storia clinica della donna. In questo modo si può arrivare alla prima visita ginecologica con dati alla mano da analizzare prima di procedere al controllo.

Leggi anche: Sesta settimana di gravidanza: i sintomi, la prima ecografia e gli altri esami da fare

Pancia secondo mese di gravidanza: come cresce?

La pancia in gravidanza e la sua crescita è una delle cose che preoccupano la futura mamma in procinto di prendere molti chilogrammi. Ma in questo periodo già si vede la pancia? In realtà tenere nascosta la dolce attesa nel corso del primo trimestre non dovrebbe essere particolarmente difficile. La pancia al secondo mese di gravidanza è invisibile e generalmente si riescono a indossare gli abiti di prima. Si può avere la pancia gonfia a causa dei problemi gastrointestinali di cui vi abbiamo parlato sopra. Se la futura mamma non si lascia andare al cibo in maniera smisurata, dunque, si potrà nascondere la gestazione ancora per un po’ a parenti e amici.

Leggi anche: Settima settimana di gravidanza: gli esami da fare, i sintomi, il bambino

2 mesi di gravidanza

Feto due mesi: ecco come cresce il bambino nella pancia della mamma

Cosa succede invece al piccolo? Tra i tanti dubbi c’è quello della crescita del proprio piccolo e della sua salute, che diventa un pensiero primario per mamma e papà. In questo periodo, anche se il feto a due mesi è piccolissimo ed è lungo circa 2 centimetri, con un peso di 2/3 grammi, già inizia a sviluppare parti del corpo fondamentali. Cresce velocemente e si formano i primi abbozzi degli arti, addirittura delle dita di mani e piedi. Inoltre si formano gli occhi, gli organi interni, fegato, pancreas, polmoni, stomaco, sistema nervoso, reni, colonna vertebrale e genitali. Il cuore si sviluppa e inoltre si forma anche il viso del bambino. In questo periodo della gestazione, inizia l’ossificazione dello scheletro. Tutti traguardi importanti che avvengono a una velocità inaspettata.

Feto di 2 mesi ed ecografia a 2 mesi di gravidanza: cosa si vede? Una mamma in attesa freme all’idea di vedere il proprio bambino. Per l’ecografia, due mesi sono pochi per vedere bene il bambino. Nel video che segue potete vedere cosa accade nel primo trimestre e come si sviluppa il piccolo nella pancia della sua mamma.

Leggi anche: Ottava settimana di gravidanza: cambiamenti importanti nel corpo della mamma

Secondo mese di gravidanza: cosa non fare

Appena si scopre di essere in dolce attesa, si inizia a mettere in primo piano la salute del proprio bambino. A tal fine è molto importante prestare attenzione a cosa si mangia. Inoltre si deve stare attente anche a non fare sforzi eccessivi. In questo periodo la gravidanza è più a rischio rispetto al secondo e al terzo trimestre, dunque non di rado capita che il ginecologo metta a riposo la futura mamma nel caso in cui si presentino problemi. L’importante comunque è cercare di vivere in serenità questo momento e la felicità che comporta per tutta la famiglia.

Leggi anche: Giornata tipo del feto: cosa fa il bambino giorno e notte

gravidanza due mesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *