foto_ospedale

Sarno, bimba nasce morta: il padre aggredisce il ginecologo

Il giorno della nascita di un bambino è speciale per la famiglia che si prepara ad accogliere una nuova vita. A volte non sempre va tutto come dovrebbe andare e in pochi secondi la gioia si trasforma in dolore profondo. A Sarno, in provincia di Salerno, una famiglia ha vissuto attimi di profondo dolore. Il papà e altri familiari erano riuniti in sala d’attesa aspettando che nascesse la neonata. Purtoppo però non hanno potuto provare la gioia di vederla e prenderla in braccio perché la piccola è nata morta. Nunzia, la mamma, è stata fatta partorire con un cesareo d’urgenza, ma non c’è stato niente da fare per la sua bimba. La piccola è nata senza vita per morte intrauterina di feto a termine.

La triste vicenda è accaduta ieri prima di mezzogiorno nel reparto di ginecologia del “Martiri del Villa Malta”. Quando i medici hanno annunciato alla famiglia che purtroppo la bimba erq nata senza vita, i familiari hanno aggredito verbalmente e fisicamente i medici, sopraffatti dal dolore.

Il personale sanitario ha allertato la polizia che è giunta immediatamente sul posto per calmare gli animi. Le forze dell’ordine hanno sequestrato la cartella clinica della bimba morta.

Mamma e bimba stavano bene, poi ad un tratto la situazione si è complicata

La coppia, di San Valentino Torio in provincia di Salerno, aspettava la loro prima bambina. Dopo una visita fatta la mattina i medici e il ginecologo della donna avevano escluso complicanze. Sia Nunzia che la sua bambina stavano bene. Poi ad un tratto la situazione si è aggravata e i medici hanno dovuto fare un cesareo d’urgenza. La neonata però è nata senza vita e i medici non hanno potuto fare nulla.

Alla triste notizia i familiari hanno reagito aggredendo i medici e non solo. Nonna, zia e papà sono entrati nel blocco operatorio e hanno iniziato a rompere tutto. Il padre della bimba ha inoltre aggredito il ginecologo presso sui la donna era stata in cura per tutta la gravidanza. Al medico sono stati dati pugni e schiaffi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *