foto_ripetizioni_extrascolastiche

Ripetizioni extrascolastiche: in quali casi sono di grande aiuto

Non tutti i bambini hanno la stessa preparazione scolastica, alcuni di loro, necessitano di essere aiutati o agevolati nello studio, perché presentano delle lacune o delle difficoltà, che da soli non sarebbero in grado di colmare. Attraverso le cosiddette ripetizioni extrascolastiche, l’alunno avrebbe la possibilità di recuperare e quindi rimettersi al pari dei compagni di classe per proseguire il corso di studi. Quanto possono essere utili le ripetizioni private?

I genitori, di frequente, si vedono costretti ad affidarsi a proprie spese ad una persona esperta nel campo, che provveda a far recuperare e a rimettere in gareggiata la preparazione del figlio scolaro. Un tempo, vi era il vecchio doposcuola ad assolvere tale mansione, ma oggi, l’arduo compito del recupero è affidato alle ripetizioni private che dovrebbero consentire allo studente di potersi soffermare su quegli argomenti che gli sono stati poco chiari o sui quali incontra maggiori difficoltà.

È utile dunque affidarsi alle ripetizioni? In alcuni casi, i risultati si vedono con enorme soddisfazione in pagella, mentre in altri sembra non verificarsi alcun miglioramento nonostante mesi e mesi di recupero pagati fior di quattrini. In quest’ultimo caso, lo scarso risultato raggiunto, potrà essere attribuito alla persona che effettua le lezioni a casa privatamente, la quale va scelta con scrupolo e attenzione, considerando i suoi titoli di studio e tutti i requisiti necessari per poterla considerare una buona insegnante. In altre situazioni, le lacune possono essere troppe da parte dell’allievo ed il tempo a disposizione potrebbe non essere sufficiente per cui si tenta l’impossibile.

L’apprendimento, deve essere lento e graduale, e adattarsi ai tempi del bambino. Alcune nozioni, necessitano di esercitazione come i calcoli per la matematica (vedi Discalculia: cos’è e come si cura) altre di allenamento e costanza come per la lettura (vedi Come capire se il bambino è dislessico). L’utilità delle ripetizioni, può essere considerata valida se persistono queste condizioni:

  • il recupero deve essere fatto tempestivamente;
  • l’insegnante che impartisce le ripetizioni privatamente deve essere in possesso di titoli che attestano la sua preparazione e deve possedere requisiti importanti come la pazienza, la determinazione, e la perseveranza;
  • la motivazione dello scolaro deve essere buona;
  • gli incontri devono avere lo scopo di riportare in luce gli argomenti che il bambino non ha compreso a scuola o sui quali esprime dubbi e perplessità, piuttosto che perdere tempo prezioso su contenuti già noti o con i quali il bambino possiede già una certa dimestichezza.

Solo in tali casi, affidarsi alle ripetizioni extrascolastiche potrà essere la sola alternativa possibile in grado di riportare la preparazione dello scolaro a livelli ottimali e garantire una pagella degna di merito.