Quanto dura la febbre da vaccino e perché viene

Quanto dura la febbre da vaccino

Capita di frequente che dopo la vaccinazione compaiano le classiche linee di febbre dopo il vaccino. La febbre da vaccino è il principale tra i possibili effetti collaterali dovuti al vaccino. Ma perché vaccinazione e febbre sono correlati? Perché viene la febbre? E soprattutto quanto dura la febbre dovuta alla vaccinazione?

Primo vaccino neonato

Innanzitutto bisogna precisare che la febbre post vaccino non è pericolosa. Infatti nella maggior parte dei casi si mantiene su temperature basse, raggiungendo massimo 38.5°C, e non desta quindi particolare preoccupazione. Il vaccino contiene microparticelle del virus che si vuole combattere o virus inattivati.

Nonostante il microrganismo inoculato sia incapace di scatenare la malattia, l’organismo reagisce attivando le difese immunitarie per combatterlo. La reazione del corpo si può dunque manifestare attraverso una leggera febbre (dopo vaccino esavalente è assai frequente) o macchie rosse nella zona interessata dalla puntura. Ma quanti giorni dura la febbre?

Come anticipato, di solito non si tratta di febbre alta dopo il vaccino. Inoltre essa si manifesta nelle successive 24 ore dopo l’avvenuta iniezione nel caso dell’esavalente. Questo non vale infatti per il vaccino trivalente (morbillo, rosolia e parotite).

quanto dura la febbre da vaccino

In questo caso la febbre da vaccino quanto dura? Essa può palesarsi tra il quinto e il quindicesimo giorno dopo la somministrazione vaccinale. Inoltre, dura al massimo un paio di giorni per sparire quasi del tutto dopo il terzo giorno.


Leggi anche: Primo vaccino al bambino, 3 cose da sapere


Generalmente succede come appena descritto: ci sono dei casi in cui lo stato febbrile permane o la temperatura risulta più alta di ciò che ci si aspetta. In tal caso bisogna rivolgersi immediatamente ad un medico, perché è probabile ci siano processi infettivi in atto non riguardanti il vaccino.