foto_piselli

Piselli in allattamento: i benefici

Piselli in allattamento

L’allattamento al seno fa benissimo al neonato e alla mamma. Sono tanti i rischi di malattie dai quali l’allattamento al seno previene e tantissimi i vantaggi per il bimbo, come una crescita sana e adatta. Nonostante ciò l’allattamento è anche un periodo molto delicato nel quale bisogna prestare attenzione a varie cose, tra cui il cibo. Alcuni alimenti potrebbero fare male al neonato in quanto potrebbero cambiare il sapore del latte rendendolo amaro o facendogli venire le colichette. Bisogna quindi adottare un’alimentazione per l’allattamento adatta ed equilibrata. Uno degli alimenti più completi da mangiare durante l’allattamento sono i legumi. I legumi hanno fibre, carboidrati e proteine. Sono quindi alimenti completi e molto buoni. I legumi in allattamento sono ottimi, soprattutto lo sono i piselli.

Cosa mangiare in allattamento

I piselli sono legumi che non gonfiano, al contrario di fagioli e lenticchie, ma soprattutto aiutano a stimolare il latte. I legumi in generale sono buonissimi da mangiare in questo periodo. Non bisogna ovviamente esagerare con le quantità perché potrebbero far venire le coliche al neonato. Oltre ai legumi, cosa mangiare in allattamento?

La dieta per l’allattamento è quasi uguale a quella di sempre. Per avere più latte si devono assumere molti liquidi: bisogna quindi bere molto e mangiare cibi in brodo. Molto importante è consumare latte e latticini, per stimolare ancora di più quello proprio. Bisogna poi scegliere frutta e verdura di stagione.

cibi da evitare in allattamento

Cibi da evitare il allattamento

Cosa non mangiare in allattamento? Bisogna evitare gli alimenti che potrebbero portare allergia al bambino. Se i genitori sono allergici a qualcosa come ad esempio alle fave o alle fragole, il bambino potrebbe avere la stessa allergia e bisogna evitare di mangiare questo alimento per far sì che il latte non gli faccia male.

Altri alimenti da evitare in allattamento sono i cibi molto piccanti e spezie particolari che potrebbero dare un sapore strano al latte. Meglio non mangiare poi broccoli, cavolfiori, asparagi, aglio, cipolla cruda ecc., perché anche in questo caso il latte materno potrebbe assumere un brutto sapore amarognolo che andrebbe ad infastidire il neonato.

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *