foto_lisca_pesce

Pesce con mercurio: perché è nemico del concepimento

Il pesce è uno degli alimenti fondamentali all’interno di una qualsiasi dieta che possa definirsi completa. Allo stesso tempo, nel pesce potrebbero essere rilevate delle percentuali di mercurio.

Nello specifico, la quantità di mercurio presente nel pesce dipende da alcune variabili, come origine, taglia e parte consumata del pesce. Pesce spada e tonno, specialmente se pescati in piccoli bacini idrici, sono quelli maggiormente a rischio.

Sappiamo che in gravidanza il pesce ricco di mercurio è assolutamente da evitare. Ma come regolarsi circa il concepimento?

I rischi per i consumatori, in generale, sono numerosi ma per le donne che intendono avere una gravidanza l’attenzione a riguardo deve essere sempre maggiore.

In un certo senso, soprattutto nella preparazione di una gravidanza, è opportuno “disintossicarsi” da quanto potrebbe essere dannoso per la propria salute e soprattutto per quella del piccolo embrione.

Infatti, il rischio di cancerogenicità è elevatissimo per quanto riguarda il pesce, la cui probabilità di contenere mercurio è elevatissima. Questo si traduce in un’aumentata possibilità di insorgenza di difetti embrionali, anche a carico del tubo neurale.

Proprio per questo motivo si consiglia proprio di limitare le dosi settimanali di pesce, mantenendo un’ampia varietà nell’alimentazione, mai dimenticando di prendere quotidianamente l’acido folico.

pesce_sogliola Alimentazione in gravidanza foto feto
<
>