foto_Sierra_Strangfeld

Perde il figlio appena nato: mamma dona il suo latte ai bambini bisognosi

Il figlio muore dopo il parto: il bellissimo gesto di una mamma

Una solidarietà nata dal dramma e dalla sofferenza. Questa è la storia di Sierra, una mamma americana di Neillsville, nel Wisconsin, che ha perso il figlio Samuel appena dopo tre ore averlo partorito. Il piccolo infatti è stato dato alla luce gravemente malato, affetto dalla rara Trisomia 18.

Dona il suo latte ai bambini bisognosi

Dopo il terribile dolore provato, mamma Sierra si è fatta coraggio ed ha deciso di far nascere comunque un qualcosa di bello. Ecco perché ha raccontato la sua storia alla trasmissione americana “Good morning America”, scegliendo di esortare i milioni di telespettatori a fare del bene, quando si ha la possibilità.

foto_sierra_latte

Leggi anche: Latte materno, come aumentarne la produzione

La storia di Sierra

Sierra aveva scoperto che il figlio sarebbe nato con la trisomia 18 – rara malattia genetica che colpisce un bimbo su seimila – a metà della gravidanza, intorno al quarto mese. Ciononostante, la donna ha deciso di portare avanti la gestazione, dando alla luce il secondogenito con un taglio cesareo. Il piccolo Samuel è nato vivo, ma è riuscito a sopravvivere solo per tre ore.

Le sue mani erano serrate, i suoi piedi erano chiusi, era così piccolo ma così perfetto. Ha combattuto duramente per poterci conoscere

ha raccontato la donna, che poi ha spiegato anche perché ha deciso di donare il suo latte.

Ho sempre desiderato aiutare un’altra mamma bisognosa: Samuel avrebbe avuto una degna degenza in terapia intensiva se fosse sopravvissuto e so che avremmo dovuto usare latte donato. Ora posso essere io ad aiutare gli altri

Il post su Facebook

Detto, fatto: Sierra ha donato oltre sedici litri di latte ai bambini che ne hanno bisogno, testimoniando con foto ed immagini le sacche piene portate alla banca del latte

Camminare per i corridoi dell’ospedale è stato un altro passo verso la mia guarigione mentale e fisica. Tirarsi i latte è mentalmente e fisicamente difficile, e lo è ancora di più quando non hai un bambino. Ci sono stati momenti in cui mi sentivo rabbiosa perché avevo latte ma non un bambino da allattare. Eppure mi svegliavo nel cuore della notte per tirarmi il latte: perché l’ho fatto? Una parte di me ha sentito che era l’unica cosa che mi legava a Samuel. Spero proprio che sia orgoglioso di me

foto_latte

Non è la prima volta che una mamma sceglie di donare il proprio latte: Alexis Marrino, dopo la morta della figlia a causa di una malformazione sapeva che il suo seno avrebbe continuato a produrre latte anche dopo il parto. Ecco perché ha iniziato a tirar fuori il latte materno e a conservarlo in appositi contenitori da donare a chi ne aveva bisogno.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *