foto_parcheggio

Partorisce in auto nel parcheggio della clinica: è successo a Roma

Doglie improvvise, partorisce in auto

Non ha nemmeno avuto il tempo di entrare in clinica. Elisa ha dato alla luce sua figlia nella sua vettura, in sosta nel parcheggio del centro di neonatologia Città di Roma. Bimba e mamma stanno fortunatamente bene, nonostante il parto fugace avvenuto alle 12.23 di una caldissima giornata estiva di luglio.

I fatti

I fatti risalgono a ieri, giovedì 30 luglio. Quando la donna è arrivata in auto davanti la clinica, la testa della bambina che portava in grembo era già fuori. Ecco perché i dottori hanno deciso di non rischiare e di intervenire immediatamente senza far spostare la donna. Il personale sanitario infatti ha operato nel parcheggio della clinica, dove ha assistito la coraggiosa Elisa. Così è nata Ilaria, 3 chili e 480 grammi.

foto_ilaria_mamma

Leggi anche: Partorisce in auto: il figlio maggiore riprende l’incredibile nascita VIDEO

Come riportato da Leggo.it, per la donna – che lavora come operatrice delle pulizie in un centro commerciale – si trattava del secondo figlio. Stando ai calcoli, la piccola sarebbe dovuta nascere tra lunedì 3 agosto e martedì 4. Eppure, le doglie che annunciavano il travaglio imminente, sono iniziate ben prima.

Elisa, che risiede ad Ardea, si trovava da sola in casa quando ha iniziato ad accusare i dolori. A soccorrerla ed accompagnarla ci ha pensato il compagno Tiziano che, da Pomezia dove stava lavorando, si è precipitato in casa, ha preso la fidanzata e si è diretto verso Roma.

foto_clinica_città_roma

Leggi anche: Partorisce in chiesa durante un battesimo: neonato muore soffocato

La corsa verso la clinica Città di Roma, avvenuta in cinquanta minuti, è stata emozionante e concitata:

Lei è una donna forte, ho scelto di concentrarmi sulla guida e stare in silenzio. Era la cosa migliore da fare

ha raccontato il ventisettenne neo papà, che poi ha aggiunto:

Arrivati al parcheggio mi sono messo di fianco a Elisa per proteggerla dal sole. Quando ho alzato gli occhi c’erano altre sei, sette persone, tra ostetriche e personale sanitario

.

Auguri a mamma Elisa e papà Tiziano!