5 motivi per cui è bello partorire a giugno

Partorire a giugno, ecco perché è bello

Il parto a giugno può avere diversi aspetti positivi per le future mamme. Ogni mese ha delle particolarità per le quali è bello mettere al mondo un figlio. Parliamo però del perché sia bello partorire a giugno, grazie alle caratteristiche di questo mese.

Ci sono diversi aspetti da considerare, dalle temperature al benessere di mamma e bambino. Dunque se avete concepito a settembre, ci sono delle cose che dovete sapere sulla nascita dei vostri piccoli proprio nel mese di giugno.

Partorire a giugno: i primi mesi al caldo

Le neomamme, soprattutto se alle prese con il primo figlio, tendono a essere un po’ apprensive durante i mesi freddi dell’anno. Per quale motivo? Perché non sanno mai come e quanto coprire il bambino per non fargli prendere freddo.

A giugno invece il problema non si pone! Fa caldo grazie all’arrivo dell’estate e il piccolo può essere vestito con abiti leggeri, un semplice body, senza costringerlo in tutine pesanti come in inverno. Dunque, il parto a giugno è positivo perché anche i mesi successivi saranno caldi e si arriverà all’inverno quando il neonato sarà già un po’ più grandicello.

Per i bambini che nascono a giugno si può porre in realtà il problema inverso, ovvero “proteggerli” dal caldo. Oltre a utilizzare un abbigliamento leggero, bisogna ovviamente evitare di portare il bambino in giro negli orari più caldi, prediligendo invece la mattina presto e il pomeriggio inoltrato.

foto partorire giugno

Leggi anche: Calcolo data parto: ecco come si fa

Partorire a giugno per poter ammirare i bambini

Care mamme, se non vedete l’ora di conoscere il vostro piccolino e di studiare ogni piccola parte del suo corpo, dovete sapere alcune cose. Un bimbo che nasce a giugno avrà di fronte a sé alcuni mesi in cui indosserà solo body, pagliaccetti e tutine leggere! L’aspetto positivo qual è? Che si potranno ammirare le sue gambotte e il suo corpicino in tutto il loro splendore.

Infatti, come detto nel paragrafo precedente, i primi mesi di vita saranno al caldo e i bambini dovranno stare il più possibile scoperti. Insomma, oltre a benefici per loro e per le neomamme, che non dovranno coprirli con abiti pesanti, ci si potrà divertire anche con dei vestitini leggeri e simpatici. Dunque partorire a giugno sarà un vero spasso e lo shopping in gravidanza sarà super!

foto parto giugno

Leggi anche: Allattamento: rimandare il primo bagnetto aiuta

Niente malanni per chi partorisce a giugno

Altro aspetto positivo per i piccolini che vengono al mondo a giugno è il fatto che rischiano di meno i malanni di stagione. Per quale motivo? Innanzitutto per il caldo e anche perché durante i mesi estivi girano meno malanni. È soprattutto il caso di famiglie con altri bimbi piccoli che frequentano asilo nido, scuola dell’infanzia e primaria.

Per i piccoli appena nati è rischioso ammalarsi nei primi mesi di vita e il fatto che i loro fratellini siano in vacanza non può che essere un vantaggio. A settembre il piccolo avrà già fatto i primi vaccini e sarà sicuramente più forte per affrontare i virus! Dunque partorire a giugno è davvero l’ideale, avendo davanti a sé ancora alcuni mesi di caldo.

foto partorire giugno

Leggi anche: Tenere in braccio un neonato non vuol dire viziarlo: parla l’esperta

Le donne che partoriscono a giugno non devono affrontare il caldo estivo con il pancione

Un altro motivo per cui partorire a giugno è bello non riguarda tanto il bambino, quanto la mamma. Diciamolo, affrontare l’estate con il pancione, soprattutto nel terzo trimestre in cui è più pesante, non è proprio il massimo.

Partorire a giugno significa aver concepito a settembre e aver fatto tutta la gravidanza in autunno, inverno e primavera. Insomma, ci si “salva” dai mesi più caldi dell’anno che con il pancione possono essere i più fastidiosi. Appena arriva il caldo, la gestante mette al mondo il suo piccolo e non deve andare incontro ad afa, gambe e piedi gonfi a dismisura. Se non è un aspetto positivo questo…

foto parto giugno

Leggi anche: Gelati in gravidanza, è possibile mangiarli?

Partorire a giugno con i parenti in vacanza

Infine, è bello partorire a giugno perché, con il periodo estivo, i parenti pian piano vanno in vacanza. Qual è il vantaggio? Che ci si può concentrare sul proprio bambino senza troppi consigli indesiderati. Dopo tutto si sa, quando una donna mette al mondo un figlio, per i parenti stare in silenzio può essere davvero difficile. Nonostante possano essere di aiuto in altre cose, per gli equilibri della nuova famiglia non sarà di certo nocivo avere un po’ di persone “a distanza”, almeno per i primi tempi!

foto partorire giugno

Leggi anche: Neo genitori, ecco il segreto per “difendersi” dalle pressioni dei parenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *