foto_nonna_parla_in_dialetto_al_nipote

Nonna parla male ai nipoti di mamma o papà? Si può agire legalmente

Molto spesso le suocere si rivelano più invadenti di quanto non sembrino, finendo col confondere i ruoli. Non si rassegnano al fatto che il figlio o la figlia abbiano una nuova famiglia, amino un’altra persona, abbiano altre responsabilità ed altre problematiche. Succede cosi che invece di fare la suocera, si finisca per diventare invadenti e pettegole. Fortunatamente queste sono solo eccezioni, però cosa fare nel caso in cui nostra suocera parli male di noi, soprattutto davanti ai nostri figli?

Si può denunciare la suocera per diffamazione

La risposta alla domanda che molti si pongono è semplice. Si può agire per vie legali. Proprio cosi: se la nonna dei nostri bambini parla male della mamma o del papà davanti ai piccoli, e noi lo veniamo a sapere, possiamo denunciarla per diffamazione. Oppure querelarla sempre per diffamazione, ma non per ingiuria. Quest’ultima infatti non costituisce reato ma un illecito civile che permette un risarcimento danni ed un iter piuttosto lungo.

Diffamazione e non ingiuria: ecco perché

Inoltre, la differenza tra diffamazione ed ingiuria è che la prima viene pronunciata alle spalle della persona denigrata, mentre la seconda può essere detta in sua presenza. Ecco perché nel caso in cui la mamma o il papà venissero calunniati dalla rispettiva suocera davanti ai figli, e ne prendessero conoscenza proprio da loro, possono contestare il reato di diffamazione.

La storia

A stabilirlo è stata la sentenza della Corte di Cassazione n. 16108/2017, in riferimento alla storia realmente avvenuta di una suocera che offendeva alle spalle l’ex genero in procinto di separarsi dalla moglie. Le offese venivano fatte davanti ai figli della coppia, che hanno poi riferito tutto all’uomo. Quest’ultimo ha cosi trascinato in Tribunale l’ex suocera, vincendo alla fine la causa.

Certo, si tratta pur sempre della mamma della propria compagna o compagno. Prima di arrivare ad una soluzione del genere, dunque, è bene riflettere a lungo sul da farsi, chiedendosi davvero se ne valga la pena intentare una causa per diffamazione.