foto_bambini_cinema

L’età giusta per portare i bambini al cinema

La prima volta che abbiamo portato Francesco al cinema (perché bisogna stare attente in gravidanza?)la prima cosa che ha chiesto entrando nella grande sala è stata “Dov’è la televisione?”. Gli avevamo spiegato che saremmo andati a vedere un cartone animato molto divertente e lui, giustamente, ha subito cercato di individuare l’elettrodomestico tanto famigliare, dove fino a quel momento aveva sempre seguito i suoi cartoni preferiti. Gli abbiamo detto che la tv era quel grande schermo bianco appeso davanti a noi (“Quella coperta, mamma?” ha chiesto lui), che di lì a poco si sarebbero spente le luci e sarebbe cominciato il film, con i personaggi più grandi del solito e i suoni e le voci più alte. Era l’inverno scorso, lui aveva all’incirca 2 anni e mezzo (praticamente un anno fa), ed è stato bravissimo: ha seguito il cartone animato dall’inizio alla fine, per un po’ seduto sulla poltrona, poi in braccio a me, tornando a casa entusiasta.

Personalmente avevo avuto qualche remora fino alla fine, temendo che mio figlio fosse ancora troppo piccolo per vivere positivamente le suggestioni che il cinema crea in ciascuno di noi, figuriamoci nei bambini.

Un turbinio di immagini che sembrano voler uscire dallo schermo, colori e suoni, ritmi certamente più veloci rispetto a quelli dei normali cartoon da guardare in tv. Senza dimenticare l’ambiente nuovo del cinema, la tanta gente, il buio che arriva all’improvviso, i bisbiglii, gli odori diversi dal solito.

Ma evidentemente io e mio marito avevamo scelto il film giusto (si trattava di ‘Home’, bellissimo), o più semplicemente Francesco era pronto, fatto sta che per lui è stata un’esperienza molto positiva che d’allora ripetiamo appena in sala arriva un nuovo film d’animazione che reputiamo adatto a lui. Gli ultimi due visti in ordine di tempo, ‘Minions’ e ‘Hotel Transilvania 2’, sono stati un altro successo.

Esperienza personale a parte, qual è l’età giusta per portare i nostri pargoli al cinema? Come regola generale, ma che ovviamente ammette eccezioni, l’età ideale per iniziare è intorno ai quattro anni soprattutto perché è in questo periodo che il bambino riesce a concentrarsi sulla narrazione mantenendo un grado elevato di attenzione e interesse. Dettaglio non di poco conto considerando che, oggi come oggi, andare al cinema con tutta la famiglia comporta un certo costo, dunque meglio non correre il rischio di sprecare decine di euro.

Il film non va scelto a caso soltanto perché è l’ultimo uscito nelle sale e va di moda. Bisogna considerare innanzitutto il carattere del bambino, il suo temperamento, evitando cartoni che in qualche modo potrebbero turbarlo. Per lui dev’essere come immergersi in una favola e questo non deve richiedere troppo sforzo da parte sua, deve venire naturale. Dunque la visione del film sul maxi schermo dev’essere il più serena possibile, divertente certamente ma non eccessivamente impegnativa.

Non sarebbe male fargli vedere prima il trailer del cartone che abbiamo scelto in modo da saggiare ancora prima il livello di gradimento di nostro figlio, le sue prime reazioni a quelle immagini.

Sarà bello anche fargli godere l’atmosfera del cinema e non solo del film. Quindi le pop-corn, la bibita da bere con la cannuccia, qualche caramella in modo che per lui sia un pomeriggio davvero da ripetere.