foto_soldi

Legge di Bilancio 2020: 40 euro al mese nella busta paga? La novità

Legge di Bilancio 2020: le novità

Il Governo Conte Bis, quello formato dal Movimento Cinque Stelle ed il Partito Democratico, sta lavorando alla nuova legge di bilancio 2020, che includerà una serie di bonus ed agevolazioni volti ad aiutare le famiglie con i figli a carico, ma anche i lavoratori. Una della novità, infatti, potrebbe essere l’introduzione di un sussidio di 40 euro al mese direttamente in busta paga.

40 euro al mese in busta paga: la novità

Uno degli obiettivi del nuovo Governo è quello di ridurre le tasse sul lavoro e cioè del cosiddetto cuneo fiscale. La conseguenza di questa riduzione dovrebbe portare ad un aumento in busta paga di 500 euro all’anno, a partire dal 2020, ovvero di quaranta euro in più al mese. Se nel 2020 si parla di 500 euro in busta paga all’anno, l’obiettivo per il 2021 è quello di arrivare a 1.000 euro.

Leggi anche: Bonus famiglie: tutte le agevolazioni sconosciute (ma utili) ai genitori

foto_soldi

La riduzione del cuneo fiscale è uno dei primi impegni del governo Conte bis, ma al momento è solo una proposta. Resta ancora da decidere, infatti, se la cifra di 40 euro verrà erogata al mese, in busta paga, oppure in un’unica rata da 500 euro.

A chi spetta il bonus

Resta da chiedersi chi potrà eventualmente beneficiare di questo bonus. Il sussidio economico infatti non verrà riservato a tutti i lavoratori, ma solo ai cittadini con redditi inferiori ai 26.000 euro annui. Si tratta, per intenderci, della stessa fascia di popolazione che finora ha beneficiato degli 80 euro in busta paga del cosiddetto Bonus Renzi.

Nel 2017, erano 11,7 milioni gli italiani ai quali spettava il bonus Renzi. Ipotizzando che tutti i suddetti beneficino dei 40 euro aggiuntivi in più al mese, si arriverebbe alla cifra di 5,85 miliardi di euro.

foto_soldi_portafogli

C’è chi vorrebbe estendere la possibilità di usufruire di questo sussidio a tutti i lavoratori con un reddito fino ai 35 mila euro, con il PD che punterebbe a spingersi fino a 40 mila euro. I fondi per il bonus verrebbero ritrovati soprattutto da quelli derivati dalla lotta all’evasione.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *