foto_apecar

Latte materno a domicilio: arriva l’Apecar

Dal primo ottobre, per le vie di Milano, scorrazzerà un’ape car molto particolare: dotata di una cella frigorifera creata per mantenere a giusta temperatura il latte materno donato ai neonati prematuri o ai nati malati. Il servizio di raccolta a domicilio è stato pensato proprio per garantire questo “nettare vitale” ai piccoli meno fortunati. Inoltre, a bordo di questo mezzo a tre ruote, ci sarà anche un’ostetrica pronta a dar supporto alle neo madri.

Le donatrici, ovviamente anche loro neo genitrici, invece, saranno controllate gratuitamente con esami ematochimici ed in più a loro verrà offerto un kit per il tiraggio e la conseguente raccolta del proprio latte.

Il furgoncino poi, a fine giornata, porterà questo prezioso alimento alla banca del latte più vicino, che a sua volta lo tratterà per poi distribuirlo tramite gli ospedali, sempre a titolo gratuito.

Questo importantissimo progetto, che dopo Milano riguarderà gradualmente anche tutte le altre città italiane, è chiamato Human Milk Link ed è a sua volta promosso dall’Associazione Italiana Banche del Latte Umano Donato (Aiblud onlus).

Per festeggiare a dovere l’inizio di questa iniziativa, il 10 settembre, presso l’Expo, è stato fatto un flash mob promosso dal Ministero della Salute e patrocinato da una madrina d’eccezione ossia Eleonora Abbagnato, anche lei neo mamma che ha dichiarato:-Da quando sono diventata mamma sono molto attenta e sensibile al benessere dei miei figli. Per questo ho scelto di allattarli e nutrirli nel miglior modo possibile. Non ero a conoscenza della possibilità di donare il proprio latte e quando mi hanno proposto di essere la madrina di Human Milk Link mi è sembrata l’opportunità per testimoniare quanto a volte anche un piccolo gesto possa aiutare chi ci sta a fianco-.

In ogni città il progetto dell’ape car del latte materno verrà poi sponsorizzato adeguatamente da aziende e da individui privati e da un crowdfunding. Bisogna ricordare infatti, che questa importante iniziativa è nata proprio perché il latte materno è molto importante e per questo viene nominato anche “oro bianco“. Il professor Moro di Aiblud ha subito capito quanto per un prematuro o un neonato malato sia indispensabile fare una corsa contro il tempo per recuperare nella crescita e perciò ha creato questo progetto in soli 3 mesi: “giusto il tempo di ordinare l’ape car, individuare, assumere e formare l’ostetrica che si occuperà del servizio”.