foto_gravidanza

Inizio di una gravidanza: perché c’è il sanguinamento da impianto?

Le prime settimane di una gravidanza sono quelle che maggiormente creano uno stato emotivo “nuovo” nella donna che affronta questa situazione, a maggior ragione se per la prima volta. La donna potrebbe iniziare a vedere dei piccoli cambiamenti nel proprio corpo e soprattutto relativamente al proprio benessere: lievi nausee mattutine, vomito, iperpigmentazione cutanea o cefalea.

Eseguito il test di gravidanza e vista la sua positività, le preoccupazioni potrebbero essere tante. Soprattutto considerando una gravidanza altamente desiderata, la paura di una possibile interruzione di gravidanza potrebbe essere all’ ordine del giorno, specie se associata a qualche piccola perdita di sangue. In realtà, è curioso sapere che esattamente intorno il tredicesimo giorno dopo la fecondazione potrebbe esserci un piccolo sanguinamento, facilmente confondibile con “macchie da ciclo mestruale”.

Non c’è da allarmarsi, anzi questo è un segno normale della gravidanza e del fisiologico proseguimento della stessa.

Perché succede questo? Dal momento della fecondazione , la nuova cellula (zigote) che evolverà e diventerà embrione farà un avvincente viaggio dalla tuba dove è avvenuta la fecondazione verso l’utero materno, dove i suoi tessuti lentamente evolveranno e si accresceranno.

Proprio nel momento in cui lo zigote si inserisce dentro la mucosa uterina, all’esterno si formerà il cosiddetto “coagulo o tappo di fibrina” che farà in modo di concludere l’annidamento e quindi l’impianto all’interno della decidua materna. In poche parole? La piccola cellula ora è al sicuro e potrà quindi passare alle fasi successive della sua crescita e sviluppo.

foto_fecondazione gravidanza- sorriso foto_feto_liquido
<
>

Questo coagulo di fibrina, ovviamente, viene espulso dall’utero e non farà altro che fuoriuscire sottoforma di piccolo sanguinamento che, come già detto, avverrà verosimilmente intorno il tredicesimo giorno dopo la fecondazione.

Quindi, mamme non spaventatevi! Questo piccolo sanguinamento è un segno che tutto sta andando per il verso giusto. Attenzione, però, a delle perdite di sangue più intense. In questo caso, effettuare una visita ostetrica potrebbe essere un ottimo consiglio.