foto_bambino_ospedale

Ingoia una pallina e muore in casa: aveva solo 18 mesi

Il dramma a Enna, in Sicilia

Dramma a Enna, in Sicilia. Un bambino di soli 18 mesi è morto dopo aver ingoiato erroneamente una pallina, che poi lo ha soffocato. L’incidente domestico è avvenuto nel paese di Pietraperzia, nella serata di ieri. Inutile l’immediata corsa in ospedale: il piccolo è arrivato presso la struttura Sant’Elia già morto.

I fatti

Il bambino stava giocando in casa con una pallina, quando accidentalmente l’ha ingoiata. Non appena si sono accorti della cosa, i genitori del neonato hanno chiamato i soccorsi che si sono precipitati nell’abitazione.

foto_bimbo_soffocamento

La corsa in ospedale ed i disperati tentativi dei medici

Purtroppo, nonostante i tentativi di medici di rianimarlo, per il piccolo non c’è stato niente fa fare. La pallina è rimasta attaccata alla trachea con una piccola ventosa, soffocando così bimbo. Ora, mentre la procura ha aperto un fascicolo come atto dovuto, sarà disposta l’autopsia sul corpicino del piccolo, che al momento si trova presso l’obitorio dell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta.

Leggi anche: Ingoia uno spillo di 3,5 centimetri: tredicenne salva per miracolo

Sul corpo del piccolo sarà disposta l’autopsia

La mamma della vittima, una giovane casalinga, e il padre 30enne dipendente in una cooperativa per assistenza ai migranti, sono stati interrogati dalla dirigente della squadra mobile di Caltanissetta, Marzia Giustolisi che sta coordinando le indagini volte ad accertare le dinamiche del tragico incidente. La coppia ha un’altra figlia piccola, di sei anni.

foto_ambulanza

Leggi anche: Bimbi ingoiano pile a bottone: come rimuoverle dal loro stomaco

A Palermo un bambino muore ingoiando un’oliva

Non è purtroppo la prima volta che un oggetto apparentemente innocuo può rivelarsi fatale per un infante: a Palermo, un bambino di un anno, a tavola con la famiglia, ha ingoiato accidentalmente un’oliva. Il piccolo è morto dopo il ricovero, inutili i tentativi di rianimazione da parte dei medici.

foto_soffocamento

L’importanza del primo soccorso

Queste terribili vicende possono testimoniano la pericolosità del soffocamento, soprattutto tra i 2 mesi ed i 2 anni di vita. Ecco perché è fondamentale che ogni genitore impari le mosse di primo soccorso e sappia rimediare ad una situazione di emergenza analoga,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *