foto_coronavirus_gravidanza

Incinta e positiva al coronavirus fugge dall’ospedale: rischia una denuncia col marito

Coronavirus, due coniugi ora rischiano la denuncia

Incinta, da giorni lamentava dolori che l’hanno convinta a recarsi in ospedale. Dopo essersi sottoposta a dei controlli, ha scoperto di essere positiva al coronavirus e, in preda al panico, è scappata dalla struttura ospedaliera insieme al marito. Ora, la coppia di coniugi rischia una denuncia per delitto colposo contro la salute pubblica.

I fatti

È successo al pronto soccorso di Mondovì, comune in provincia di Cuneo. La donna, una 33enne nigeriana, temendo per la salute del bambino, si era recata in ospedale perché in preda ad alcuni dolori e con dei sintomi compatibili a quelli del COVID-19. Dopo aver accertato la positività al virus in seguito al tampone, è immediatamente scattato il protocollo ed è stato ordinato alla donna di attendere in ospedale.

foto_coronavirus

Leggi anche: Coronavirus, l’effetto dell’isolamento sui bambini: insonnia, ansia e sbalzi d’umore

Positiva al coronavirus: scappa in preda al panico, poi ci ripensa

In preda al panico però, la donna di notte è letteralmente scappata dalla struttura insieme al marito. Ecco perché gli uomini dell’Arma hanno attivato le ricerche per evitare il contagio con altre persone, fino a questa mattina quando i due si sono ripresentati in ospedale.

Leggi anche: Coronavirus, nessun pericolo per le donne incinta: nasceranno figli sani

coronavirus in gravidanza

La donna ha accettato il ricovero, mentre l’uomo è scappato una seconda volta. Intercettato dagli agenti nei pressi della stazione ferroviaria, è stato poi convinto a sottoporsi ad un controllo in ospedale.

La coppia è stata denunciata per delitto colposo contro la salute pubblica

Ora però la coppia potrebbe passare i guai: la donna incinta ed il compagno sono stati infatti denunciati per delitto colposo contro la salute pubblica. L’uomo, di cui non è stata ancora accertata la positività al coronavirus o meno, resta comunque accusato di complicità. Sarebbe lui, infatti, ad aver agevolato la moglie a scappare dall’ospedale di notte, senza che nessuno si accorgesse di nulla.