foto_kevin

Il figlio nasce con una malformazione alla gamba: l’appello disperato di una mamma

L’iniziativa di mamma Zamira

Ogni mamma desidera il meglio per suo figlio, specialmente se il piccolo presenta fin dalla nascita delle difficoltà. È il caso di Zamira, una donna che vive a Torino con un figlio nato con una grave malformazione alla gamba. Per il bimbo, che oggi ha due anni, la mamma ha creato una pagina Facebook chiamata “Elisabetta Kevin Polidoro” in cui non solo ha raccontato la sua storia, ma ha anche lanciato un accorato appello.

La storia

È il 5 dicembre del 2017 quando Zamira realizza il desiderio più grande della sua vita: diventare mamma. Nonostante una gravidanza tranquilla senza complicanze, il piccolo Kevin è nato però con una malformazione alla gamba destra, più corta di 4 centimetri rispetto alla sinistra. Non solo: la gamba non ha nemmeno tibia e rotula, ma presenta l’osso del femore bifico ed il piede torto.

foto_kevin_mamma

In un primo momento, racconta Zamira, i dottori le avevano consigliato di amputare la gamba al figlio, che così sarebbe cresciuto con un solo arto. La donna però, d’accordo con il compagno, non ha voluto farlo, ma anzi si è battuta per cercare di trovare una soluzione alternativa al grave problema.

È così che Zamira si è imbattuta nella storia di Bertek, un bambino polacco con la stessa malformazione di Kevin. La donna dunque, grazie a tante ricerche su Internet, ha potuto approfondire la patologia di suo figlio, l’Emimelia Tibiale.

Cos’è l’emimelia tibiale

Per emimelia tibiale si intende una deformazione congenita rara, che colpisce un neonato su un milione circa. Stando a quanto spiegato da Orphanet, la soluzione più efficace per risolvere il problema è quella di intervenire con un intervento chirurgico ricostruttivo, e con protesi adattate alla crescita.

La storia di Bertek

Zamira ha poi contattato la mamma del bimbo polacco, che ha consigliato alla famiglia di Torino di rivolgersi al dottor Paley, fondatore del Paley Institute in West Palm Beach, in Florida. È grazie a lui che il piccolo Bertek oggi è in grado di camminare solo ed andare in bicicletta.

Per sostenere le ingenti spese mediche e volare in Florida, mamma Zamira ha dunque fatto un appello per raccogliere i fondi necessari ai 2 interventi e al conseguente follow-up, con una durata complessiva di sei mesi. Dopo le prime cure al Bambin Gesù di Roma, infatti, Kevin dovrà sostenere una nuova e lunga battaglia.

Come aiutare il piccolo Kevin

Per aiutare il piccolo Kevin e la sua famiglia basta poco: basta andare sulla pagina Facebook “Realizziamo il desiderio di Kevin” o su quella creata su Gound Found Me per fare una donazione. In alternativa, è possibile anche fare un bonifico al seguente indirizzo iban:

IBAN: IT38L03069096061000001683356
Causale: Realizziamo il desiderio di kevin.

Un piccolo gesto potrebbe salvare una vita.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *