foto_bimbo_dimenticato_auto

I seggiolini anti-abbandono diventano obbligatori: la novità

Seggiolini anti-abbandono: ora sono obbligatori

Tante, troppe volte, sentiamo parlare di bambini morti in automobile perché dimenticati, volontariamente o non, da genitori troppo distratti o negligenti. Per far fronte a quella che sembra essere diventata una vera e propria emergenza, il Governo italiano ha deciso di introdurre una legge che prevede l’obbligo di seggiolini anti-abbandono, a bordo dei veicoli, per i bambini fino ai quattro anni di età.

La novità

Il decreto attuativo dell’articolo del Nuovo codice della strada è stato firmato dalla ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Michele. Il decreto entrerà ufficialmente in vigore non appena sarà pubblicato su Gazzetta Ufficiale, nei prossimi giorni.

foto_bimbo_auto

Leggi anche: Figli dimenticati in auto, il racconto di una madre: “Può capitare a tutti”

Come funzionano

I seggiolini anti-abbandono prevedono l’installazione sullo smartphone di un’app che, collegata all’allarme presente all’interno del seggiolino, ricorderà ai genitori della presenza del bimbo a bordo. Quello di oggi è un passo importante a riguardo, dopo l’approvazione del Parlamento con il voto di tutti i gruppi politici del decreto, ed il via libera dei giorni scorsi del Consiglio di Stato.

foto_viaggi_in_auto

Leggi anche: Figli dimenticati in auto: un bambino di 10 anni inventa la soluzione

Anche Giorgia Meloni, leader di Fratelli D’Italia, ha espresso la sua soddisfazione per l’approvazione del decreto legge:

Oggi posso dire che ogni vita salvata con questa legge sarà valsa tutti i miei anni di battaglie in politica

ha commentato.

foto_bambini_in_auto

La speranza è quella di evitare altri casi

Con la suddetta legge, la speranza è di evitare altri casi analoghi a quelli già accaduti in passato. Uno degli ultimi, in ordine di tempo, è quello di un papà che ha dimenticato in auto i suoi figli. Entrambi, a causa delle temperature eccessive, sono morti soffocati nella vettura: l’uomo era convinto di averli portati all’asilo nido.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *