foto_genitori

Il divorzio fa male ai figli: influisce sulle difese immunitarie dei bambini

Il divorzio è spesso un trauma per i figli, soprattutto se questi sono molto piccoli. Nonostante ciò se i genitori non vanno d’accordo il bambino lo percepisce e ne soffre. Proprio per questo motivo è meglio divorziare piuttosto che far vivere il bambino in una situazione di disagio. Nonostante ciò il divorzio non deve essere rancoroso, altrimenti i bambini ne soffriranno, addirittura dal punto di vista della salute. Secondo uno studio pubblicato da PNAS i bambini che hanno subito un divorzio burrascoso avranno difese immunitarie più basse.

Lo studio ha analizzato 201 adulti

Per realizzare la ricerca, gli studiosi hanno preso in considerazione 201 adulti sani. Gli adulti sono stati esposti a rhinovirus39, un tipo di virus che causa il raffreddore. I ricercatori li hanno seguiti per cinque giorni, cercando di vedere le reazioni dei sistemi immunitari e se sviluppavano la sindrome respiratoria. La media di età delle persone coinvolte nella ricerca era di 30 anni. Il 46% di loro aveva i genitori divorziati da quando erano bambini. Sulle 92 persone con genitori separati o divorziati, i genitori di 51 di loro non si parlavano.

Lo studio ha evidenziato che gli adulti con genitori divorziati in cattivi rapporti avevano il triplo delle possibilità di sviluppare un raffreddore rispetto agli adulti i cui genitori vivevano insieme. Lo studio ha infatti messo in evidenza come le persone con genitori divorziati in cattivi rapporti avevano il triplo di possibilità di sviluppare un raffreddore rispetto a chi aveva i genitori che vivevano insieme o che avevano divorziato in modo pacifico.

Le persone cresciute in una famiglia con genitori divorziati che non si parlavano e che non avevano buoni rapporti sono risultate più inclini alla possibilità di ammalarsi. Le possibilità che chi ha genitori divorziati in cattivi rapporti sviluppi un raffreddore è di 3,3 volte superiore rispetto a chi è cresciuto in una famiglia unita. I primi avevano quindi le difese immunitarie più basse.