foto_pasticciare col cibo

I bambini che pasticciano con il cibo imparano prima a parlare

Quante volte abbiamo raccomandato al nostro piccolo che sta imparando a mangiare la pappa, di non giocare con il cibo? Eppure sembra che dovremo smettere di farlo perché pare che i bimbi lasciati liberi di pasticciare con la pappa, imparino a parlare senza difficoltà. Queste sarebbero le conclusioni cui sono giunti i ricercatori americani dell’University of Iowa in uno studio sullo sviluppo del linguaggio nei bambini, pubblicato sulla rivista scientifica Developmental science.

La ricerca ha esaminato il linguaggio e il comportamento a tavola di un campione di bambini di 16 mesi. I bambini sono stati fatti sedere in un ambiente familiare, cioè nel loro seggiolone, poi, i ricercatori hanno offerto loro 14 differenti tipi di cibi non solidi, come pappe, succhi di frutta, budini e zuppe. Ogni volta che proponevano un cibo, i ricercatori dicevano ai bambini come si chiamava, o associavano il piatto a semplici sillabe.

Un minuto dopo, hanno chiesto ai bambini di identificare lo stesso cibo ma in diverse dimensioni e forme. Il compito che chiedevano loro di eseguire, cioè l’identificazione giusta tra pietanza e il nome che gli scienziati le avevano dato poco prima, comportava per i piccoli l’andare oltre la forma e le dimensione del cibo.

I bimbi che prima di rispondere, facevano esperimenti con il cibo, manipolandolo, assaggiandolo, spalmandolo sul vassoio del seggiolone o, persino, lanciandolo a terra, sono risultati più abili nel compiere la giusta associazione tra il cibo ed il nome dato dai ricercatori.

Da questo studio sperimentale pertanto è emerso che pasticciare con la pappa è utile per diversi motivi: non solo aiuta i bambini ad imparare prima e meglio parole nuove, ma questo apprendimento precoce favorisce anche dei risultati migliori nello sviluppo cognitivo e funzionale successivo dei piccoli, cioè durante la loro crescita.

Allora cari colleghi genitori rassegnamoci a non rimproverare più nostro figlio, ma a pulire con il sorriso tutti i pasticci che ha combinato con il cibo, perché mentre ne sperimenta la consistenza, la capacità di aderire alle diverse superfici della casa e la velocità di caduta dal piatto al posto lontanissimo verso il quale lo sta lanciando, il nostro bambino sta anche ottenendo informazioni su quella pietanza e sta migliorando lo sviluppo presente e futuro del suo linguaggio!

Se però non riusciamo proprio a vedere il nostro bambino sporcarsi e imbrattare tutto quello che lo circonda, possiamo sempre provare a proporgli alcuni giochi che possono aiutarlo ad imparare a parlare correttamente oppure fargli trascorrere più tempo con il papà, visto che, come abbiamo scritto in un nostro articolo, pare che l’apprendimento linguistico dipenda molto dai padri.

Sono un'antropologa culturale amante del buon cibo e della lettura. Mi occupo di comunicazione sia per il web che per la carta stampata. Sono mamma di due meravigliosi monelli dai quali ogni giorno imparo qualcosa di nuovo e lo racconto su Passione Mamma! Email: v.lodestro@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *