foto_lea_gravidanza

Gravidanza: cosa cambia nel 2017 con i nuovi LEA

Nuovi LEA e Gravidanza

I Livelli Essenziali di Assistenza sono le prestazioni e i servizi che il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) garantisce a tutti i cittadini, gratuitamente o dietro pagamento di un ticket. Tra le novità da segnalare c’è la riforma dell’assistenza all’epoca preconcezionale, alla gravidanza, e alla diagnosi prenatale invasiva; secondo le Linee Guida nazionali e in aggiornamento dei protocolli vigenti. Nell’elenco dei servizi offerti alle future mamme, non ci sono solo esami e visite ostetrico-ginecologiche, ma per la prima volta anche i corsi di accompagnamento alla nascita e l’assistenza in puerperio. Inoltre, se persiste un malessere psico-fisico è prevista la consulenza con uno psicologo.

La prima rivoluzione significativa riguarda la diagnosi prenatale. L’amniocentesi, ad esempio, era gratuita solo per le donne sopra i 35 anni; adesso indipendentemente dall’età lo screening con bitest (dosaggio di HCG frazione libera e PAPP-A) e traslucenza nucale (ecografia da eseguire nel I trimestre) è gratuito. Se questo risultasse sospetto o vi fosse la presenza di fattori di rischio (anomalie cromosomiche in gravidanze precedenti o familiarità per patologie genetiche) allora si potrebbe accedere gratuitamente a esami invasivi come la villocentesi.

Il numero di ecografie offerte durante i nove mesi cambia da 3 a 2: restano la prima per l’accertamento della gravidanza e la morfologica, mentre l’ecografia di accrescimento viene eseguita gratuitamente solo in caso di patologia materna-fetale poiché se una gravidanza procede bene è possibile valutare la crescita fetale con la misurazione sinfisi-fondo, eseguita dalle ostetriche (Midwifery Model of Care).

Cambia anche la diagnosi di Diabete Gestazionale, infatti adesso si raccomanda l’esecuzione della curva glicemica solo a donne che presentano importanti fattori di rischio: obesità o diabete in gravidanze precedenti.

I servizi del Percorso Nascita sono gli stessi dal 1998 (Decreto Bindi); si attende la pubblicazione definitiva in Gazzetta Ufficiale e il potenziamento della rete territoriale delle Regioni.