foto_festa_bambina

Giochi per feste di compleanno

Proprio qualche giorno fa il mio bambino ha compiuto 4 anni e devo dire che io e mio marito siamo stati tentati dalla moda del momento, ovvero affittare uno spazio ad hoc per invitare decine di amichetti, commissionare un animatore che li intrattenesse per bene e organizzare un buffet quasi da matrimonio. Ma poi c’abbiamo ripensato, anche perché fatti due conti era più la spesa che l’impresa. Il tempo, poi, non ci è stato favorevole perché ha piovuto, e allora abbiamo optato per la cara, vecchia festa in casa con cuginetti e qualche amichetto più stretto. Il risultato? Si sono divertiti lo stesso, anche senza avere chilometri a disposizione e giochi belli e pronti. Mimo, nascondino e acchiapparella sono stati i protagonisti della festa.

Tutto questo per dire che molto spesso siamo noi adulti a farci prendere dall’ansia della festa super perfetta, arrovellandoci il cervello per partorire l’idea dell’anno.

In realtà per i bambini la cosa importante è stare insieme, e state pur certi che il modo per divertirsi lo trovano di certo.

Ovviamente la festa, anche la più semplice, dovrà essere a misura di bambino, il che vuol dire che tutto, dai giochi alla merenda, dovrà essere pensato in base alla loro età.

Prendendo come fascia d’età quella che va dai 3 ai 5 anni e immaginando un compleanno invernale da festeggiare in casa (e a scuola?), sarà un’idea carina preparare un tavolo creativo dove i bambini potranno divertirsi con colori, colla e brillantini, disegnando, per esempio, delle faccette da decorare, prima, e da ritagliare, dopo, (ovviamente con l’aiuto degli adulti): potranno diventare allegre maschere da indossare.

La musica da sottofondo non dovrà mancare mai (da usare anche per il classicissimo gioco della sedia), così come i palloncini, meglio se di forme e colori diversi, e l’angolo delle marionette con le quali inventare tante storie con l’aiuto dei piccoli. Un adulto di buona volontà potrebbe raccontare una bella fiaba, magari inventandola per l’occasione e coinvolgendo i bambini.

Anche una semplice lavagna potrebbe esserci d’aiuto, unita alla fantasia e ai gessetti colorati: ogni bambino penserà a un oggetto e ne disegnerà solo un pezzetto, agli altri il compito di indovinare di cosa si tratta.

Ovviamente se la festa è d’estate e c’è un giardino a disposizione, la lista dei giochi si allunga: nascondino, acchiapparella, ruba bandiera, caccia al tesoro, percorso a ostacoli e tanti altri ancora.

Giornalista per caso e mamma per scelta, da oltre dieci anni mi diletto con la scrittura collaborando con quotidiani della provincia di Latina, emittenti tv e siti web. Poi, nel 2012, lo 'scoop' della mia vita, mio figlio Francesco, oramai la mia principale fonte d'ispirazione. Email: r.recchia@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *