foto_vaccini_cerotto

Giappone: in arrivo i vaccini senza ago

Vaccini senza ago

Al posto della tradizionale siringa per i vaccini, arriva dal Giappone un cerotto ancora in fase sperimentale; esso si scioglie in acqua e al momento funziona per il vaccino antinfluenzale. Un gruppo di ricercatori di Osaka ha creato questo nuovo presidio, composto da microaghi invasivi che trasportano il vaccino nel corpo. Un cerotto sicuramente rivoluzionario, ma che necessita ancora di ulteriori studi che ne attestino la funzionalità e praticità.

Ad esempio, nel caso dei vaccini spray, gli esperti si sono dimostrati scettici sulla reale efficacia; sembrerebbe infatti che la copertura totale per malattie più complesse, come il morbillo, non sia del tutto assicurata. Saranno ulteriori ricerche a suggerire se la siringa va abbandonata o no.

Il cerotto vaccinale

Il cerotto prototipo si chiama MicroHyala ed è in grado di sciogliersi in acqua, una volta applicato a diretto contatto con la pelle. Gli aghi, di cui è composto, sono microscopici e fatti prevalentemente da acido ialuronico; questo acido è fisiologicamente presente nel nostro corpo, che lo smaltisce senza particolari difficoltà. Il farmaco è contenuto in questi aghi e viene rilasciato progressivamente; non è attestato alcuno sintomo di dolore.

Siringa o cerotto?

Siringa o cerotto?

I risultati degli studi sono stati pubblicati recentemente sulla rivista Biomaterials; essi attestano e promettono la sostituzione degli aghi con questi semplici cerotti. MicroHyala è stato sperimentato in un campione di volontari e non ha manifestato effetti collaterali; al contrario la reazione immunitaria nei confronti dell’influenza, si è dimostrata simile a quella tradizionale.

Il cerotto e le infezioni

La finalità principale di questo cerotto è quella di eliminare anche il minimo rischio infettivo; l’ago contiene sempre una probabilità, anche se non molto alta, di trasmissione di agenti patogeni. L’autore principale dello studio è Shinsaku Nakagawa, il quale spiega che: “I microaghi del cerotto che si scioglie nell’acqua sono fatti di una sostanza naturale presente nell’organismo, l’acido ialuronico, e si “ancorano” allo strato più superficiale della pelle, dissolvendosi nell’organismo e portando con sé il vaccino“. Da ciò l’idea che il vaccino nel cerotto sia una metodica che merita una degna fase di sperimentazione.