foto_fumare_in_allattamento

Fumo in gravidanza: i danni sul bambino

Fumo in gravidanza

Sei anche tu una donna che fuma? Se pensi ad una gravidanza oppure sei già incinta, conosci le possibili conseguenze del fumo sul feto? Ti stai chiedendo se si può fumare in gravidanza? Il fumo di sigarette può incidere sulla nostra fertilità ed è molto nocivo per il nascituro. Le fumatrici che smettono di fumare prima della gravidanza o durante i primi mesi di gravidanza possono ridurre i danni provocati dal fumo.

Le sostanze tossiche contenute nel tabacco danneggiano il DNA delle cellule, causando una diminuzione del numero di ovociti. Diversi studi epidemiologici hanno dimostrato che il tabagismo ritarda di 2 mesi i tempi di concepimento. Inoltre il rischio di infertilità aumenta del 60% nelle donne che fumano. Questi danni causati dal fumo sono legati al numero di sigarette fumate.

Fumare una sigaretta al giorno può quindi diminuire gli effetti del fumo. Ma i danni del fumo possono essere comunque gravi. Pertanto, dovremmo smettere di domandarci quante sigarette al giorno si possono fumare e smettere definitivamente. L’effetto che il fumo ha sulla fertilità è reversibile con il tempo. Il fumo in gravidanza può comportare, invece, complicazioni inarrestabili.

Fumare in gravidanza

Per una fumatrice può essere molto difficile smettere di fumare nonostante abbia sentito parlare degli effetti fumo e di quanto sia pericoloso il binomio fumo e gravidanza.

Verrà da chiedersi quindi come smettere di fumare in gravidanza. Forse la nostra volontà potrà essere rafforzata, se davvero ci renderemo consapevoli di come il fumo e i suoi danni possano essere importanti.

Cosa provoca il fumo: i possibili danni del fumo di sigaretta sono gravidanze extra-uterine; aborti spontanei; sanguinamento vaginale; cattivo posizionamento della placenta; scollamento prematuro della placenta e ematomi retro placentari; rottura prematura delle acque e parto prematuro. Inoltre, il fumo blocca la crescita del feto.

Più di una ricerca sul fumo ha dimostrato che una gestante che fuma ha maggiori probabilità di partorire un neonato sottopeso. Ancora possono esserci maggiori complicazioni per madre e neonato al momento del parto. Il rischio di SIDS, la sindrome della morte improvvisa del lattante, è triplicato.

Se, nonostante tutte queste informazioni, ci stiamo ancora chiedendo quante sigarette si possono fumare in gravidanza ed in particolare quante sigarette si possono fumare al giorno. Non dobbiamo necessariamente sentirci delle mamme degeneri, purtroppo il fumo è un vizio difficile da perdere. Però non dobbiamo smettere di riflettere sul fatto che il tabagismo durante la gravidanza può causare problemi gravi. Inoltre dobbiamo essere consapevoli del fatto che più si fuma, più i rischi aumentano. Quindi, se proprio non riusciamo a vincere la dipendenza, è fondamentale anche considerare quante sigarette in gravidanza riusciamo a non fumare.

fumo in gravidanza

Danni del fumo

Gli effetti nocivi de il fumo di sigaretta sono dovuti alle proprietà cancerogene e mutagene delle sostanze tossiche contenute nel tabacco. Il catrame, i composti organici volatili, tra cui il benzene, gli idrocarburi, la nicotina ed il monossido di carbonio sono solo alcuni dei componenti peggiori delle sigarette.

Il monossido di carbonio (CO), un gas tossico prodotto dalla combustione, in particolare, penetra nell’organismo materno e va a fissarsi al posto dell’ossigeno nei globuli rossi. In questo modo provoca ipossemia, un deficit cronico di ossigeno. Riguardo ciò, dobbiamo, inoltre, considerare che la concentrazione di CO è dal 2 al 2,4 % più elevata per il feto che per la mamma.

Ancora alcune malformazioni specifiche come fessure facciali, gastroschisi e craniostenosi sono più ricorrenti fra i bambini delle donne che fumano durante la gravidanza.

Smettere di fumare benefici giorno per giorno: se riusciremo a liberarci di questa dipendenza prima di iniziare una gravidanza, o almeno durante i primi mesi di gravidanza, noteremo subito i benefici sulla nostra salute e saremo in grado di ridurre i rischi per il feto.

Sigaretta elettronica in gravidanza

Anche la sigaretta elettronica in gravidanza fa male, perché comunque contiene nicotina. È vero che le quantità sono nettamente inferiori e che la nicotina è purificata, quindi, in teoria meno dannosa, ma è comunque presente. Consapevoli di cosa causa il fumo dovremmo tenerci lontane anche dal fumo passivo in gravidanza. In quanto, se dovessimo essere molto esposte, le cause del fumo potrebbero comunque manifestarsi. La dipendenza da sigaretta è per alcuni versi simile a quella dell’alcol in gravidanza. Anche se, per fortuna, bere in gravidanza è un’assuefazione meno comune tra le gestanti italiane.

Se non siamo riuscite a smettere di fumare in gravidanza dobbiamo sapere che anche fumare in allattamento è pericoloso. Anche il binomio fumo e allattamento è temibile. Fumare durante l’allattamento può causare una diminuzione della produzione del latte materno. Inoltre il fumo in allattamento comporta l’infiltrazione della nicotina nel latte.

Allattamento e fumo non dovrebbero essere accostati per permettere che il nostro bimbo cresca sano e felice.

Sono un'antropologa culturale amante del buon cibo e della lettura. Mi occupo di comunicazione sia per il web che per la carta stampata. Sono mamma di due meravigliosi monelli dai quali ogni giorno imparo qualcosa di nuovo e lo racconto su Passione Mamma! Email: v.lodestro@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *