foto_bambini_con_la_mamma

I figli prediletti esistono: lo dice la scienza

I figli prediletti esistono

Nessun genitore sarebbe in grado di ammetterlo eppure i cocchi di mamma e papà in casa ci sono. A scapito degli altri fratelli o sorelle il figlio preferito è quello nei cui riguardi è riservato un’atteggiamento “speciale”. Una parola in più di incoraggiamento, una premura ed un’attenzione che non passa inosservata ai fratelli del figlio prediletto.

Ma chiariamolo bene, non si tratta di una questione affettiva per cui il figlio viene posto più stretto sotto l’ala protettiva di mamma chioccia. La predilezione per un figlio piuttosto che un altro è legata ad altre ragioni. Il bene non si può mettere su una bilancia ed è lo stesso quello provato per la prole. Tuttavia vi sono delle differenze che i genitori compiono spesso inconsapevolmente ma che ai figli “negletti” non sfuggono e vivono come fonte di frustrazione.

Generalmente ad essere i preferiti sono i primogeniti quelli per i quali si è provata la prima emozione di divenire genitori. I neo papà e le neo mamme hanno assistito alle novità che la crescita comporta ( il primo dentino, i primi passi e le prime parole). Ma non è solo questa la ragione che consente di affermare l’esistenza dei figli preferiti.

I figli preferiti

I genitori tentano di rapportarsi ai propri figli allo stesso modo ma è ovvio che non è sempre possibile. Molte volte infatti “danno di più” al figlio che vedono come soddisfazione dei loro insegnamenti. Una sorta di compensazione narcisistica potremmo intenderla che conferma anche la riuscita del ruolo genitoriale. Si tende a preferire il bambino che più rispecchia se stessi e che rappresenta una continuazione dei genitori. Si è più inclini verso i figlio che porta a casa buoni voti scolastici e quello che non fa troppi capricci.

La predilezione di un figlio primogenito piuttosto che un figlio arrivato più tardi è poi maggiormente presente nelle famiglie in cui sono forti i valori tradizionali e dunque vige ancora la divisione dei ruoli. A volte, può solo essere apparente questa preferenza e probabilmente è legata al fatto di voler proteggere il figlio che ha maggior bisogno di aiuto perchè più debole. Di fatto c’è che gli altri fratelli vivono questa esclusione e si vedono prevaricati dal cocco di mamma e papà. Inoltre sono di sicuro gli unici a scommettere che queste differenze e favoritismi esistono.

Due docenti francesi hanno addirittura pubblicato un libro che afferma l’esistenza dei figli prediletti e sta riscuotendo un grandissimo successo. Tutti nella vita sperimentiamo la condizione di essere figli prediletti o figli negletti. Ciò nonostante, i genitori pur impegnandosi nel dare ai propri figli tutto in parti uguali, non ammetteranno mai tale predilezione.

Laureata in Psicologia Clinica e di Comunità, adoro il mondo dei bimbi trascorro con loro la maggior parte del mio tempo facendogli da tata. Mi diletto a scrivere per Passione Mamma e ciò mi riempie di gioia e soddisfazione. Sogno di scrivere un libro dedicato al mondo delle donne in dolce attesa, perché ritengo sia davvero straordinario ciò che la natura ci ha donato. Email: f.fiore@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *