foto_bimba_pianto

Famiglia rischia lo sfratto perché la figlia piange: la denuncia dei vicini

Avere una casa rumorosa con dei figli piccoli è più che normale. I pianti, le urla e qualche lamento sono assolutamente all’ordine del giorno con dei neonati in casa. Ai vicini questo spesso dà fastidio, come è accaduto ad una famiglia inglese che rischia di essere sfrattata a causa dei rumori delle loro bambine. I vicini si sono più volti lamentati dei pianti delle bambine, tanto da mandare alla famiglia Wurth una lettera di proteste.

Ai vicini ha dato fastidio il pianto della bimba più piccola

Il rumore che ha infastidito il vicinato è il pianto della bambina più piccola, di soli 15 mesi. I vicini della famiglia si sono rivolti agli amministratori del palazzo e hanno protestato contro la famiglia.

In particolare al vicinato hanno dato fastidio i lamenti e i pianti della neonata durante la notte. Secondo gli inquilini del palazzo la bimba non permette di dormire bene a causa dei tanti rumori.

La famiglia vive in un quartiere a Ovest di Londra. Il palazzo è un elegante edificonel quartiere Hammersmith.

La famiglia potrebbe essere sfrattata

Ai coniugi Wurth è stata inviata dai vicini una lettera nei quali erano invitati a ridurre il rumore durante la notte. Non c’è però alcun modo per far star zitta una bambina di 15 mesi: la famiglia non può quindi evitare in alcun modo di fare meno rumore.

Ai Wurth è arrivata perciò una seconda lettera di richiamo. Nella nuova lettera ufficiale, l’amministratore del condominio ha avvisato la famiglia che entro 2 settimane se i rumori non dovessero essere ridotti verrà emessa un’ordinanza di sfratto. I Wurth potrebbero quindi perdere la casa.

La famiglia ha denunciato il fatto su Facebook. I coniugi Wurth non sanno come comportarsi, perché non c’è alcun modo per impedire a una bimba di 15 mesi di piangere.

“Si tratta di una discriminazione delle famiglie. Sono scandalizzato da questo atteggiamento grave e senza cuore”, ha scritto il padre delle due bambine.