foto_abusi_bimba

Droga e violenta bimba di 4 anni, poi mette il video sul web: arrestato un 30enne

Violenta una bambina di quattro anni: arrestato

L’ha drogata e poi l’ha violentata riprendendo tutto con il telefonino nel video che poi vendeva sul Dark Web. Grazie alle indagini condotte dagli investigatori del Centro nazionale per il contrasto della pedopornografia online (Cncpo), un uomo è stato arrestato dalla Polizia di Milano. L’accusa è di violenza sessuale aggravata su minore e detenzione di materiale pedopornografico. La piccola vittima, infatti, ha solo quattro anni.

Le indagini

Le indagini sono state avviate dopo la segnalazione degli agenti di Polizia australiani e francesi. Questi, sul web, avevano scovato un video nel quale si vedeva un uomo con il volto coperto abusare di una bambina dopo averla drogata con un narcotico.

foto_abusi_minori

Leggi anche: Bimba di quattro anni violentata dal padre: sul cellulare i video degli abusi

Arrestato un trentenne: faceva parte della cerchia familiare della vittima

Il video è stato segnalato alla Polizia italiana visto che nel filmato si potevano udire alcune parole in italiano ed era ben visibile il marchio di un noto supermercato del nostro Paese. L’operazione, denominata “Amnèsia”, ha portato quindi all’arresto di un trentenne, geolocalizzato grazie al filmato nella provincia di Como.

Nell’abitazione ritrovate le prove

Grazie ad una cooperazione internazionale, e al centro di coordinamento di Europol, la Polizia Postale in poco pi di una settimana è stata in grado di individuare l’abitazione dell’uomo, che è stata perquisita. Come riportato da iltempo.it, in casa sono state ritrovate sia la maschera utilizzata nei video, sia tracce del farmaco usato per drogare la bambina. Si tratta, nel dettaglio, di un narcotico che, non lasciando residui nell’organismo, è in grado di offuscare i ricordi.

foto_polizia_postale

Leggi anche: Catania, abusi sessuali e violenze su moglie e figlio: 36enne arrestato

La vittima dell’atroce storia fa parte della cerchia familiare del trentenne, ed è attualmente in cura da un team di psicologi e specialisti per cercare di metabolizzare e superare quanto accaduto.