foto_donna-che-piange

Donna salva grazie alla figlia di 12 anni: l’ex la voleva uccidere

Si è verificato oggi l’ennesimo nuovo caso di violenza nei confronti di una donna, nel quartiere Baggio a Milano. A dare l’allarme al 112 è stata la più grande delle figlie della donna, originaria dello Sri Lanka, sposatasi nel 2000 con suo marito, connazionale, con il quale decise di trasferirsi nel nostro paese per cambiare vita, non immaginando che l’uomo, padre delle sue bambine, sarebbe diventato il suo più grande incubo.

Nel 2013 i due si erano lasciati, formalizzando la separazione lo scorso anno; da quel momento l’uomo trentottenne è diventato violento e pericoloso: ha iniziato a perseguitare l’ex moglie, e a minacciarla di morte, insieme alle figlie; “se ti trovo con un altro ti ammazzo“, le disse tre anni fa picchiandola e minacciandola con una pistola.

In quell’occasione la donna, finita in ospedale, aveva trovato il coraggio di denunciarlo ai carabinieri della stazione San Cristoforo. Una volta al mese, però, periodicamente continuava a recarsi nella portineria della madre delle sue figlie per prendere l’assegno di mantenimento, fino a sabato, quando la situazione è degenerata.

L’uomo, visibilmente ubriaco, chiede all’ex di avere un rapporto sessuale, e quando lei si nega, impazzisce del tutto: si reca nell’abitazione della moglie dove c’erano le figlie, riesce a farsi aprire e non appena la donna lo raggiunge, sconvolta ed intimorita, lo stalker afferra un coltello con una lama da 42 centimetri e tenta di colpirla al ventre.


Leggi anche: Bambina di 3 anni veglia sulla madre morta per 24 ore


È in quel momento che al 112 arriva la telefonata disperata della figlia più grande di 12 anni: “Aiuto, papà sta picchiando la mamma, venite in fretta“. La prontezza degli agenti ha fatto si che l’uomo venisse immediatamente arrestato per stalking nei confronti della ex moglie, frenando cosi il suo tentativo di fuga.

Mettendo sotto sequestro la casa, un monolocale che si era ricavato nello scantinato di uno stabile, la polizia ha trovato due pistole, una giocattolo e una scacciacani, armi con le quali era solito minacciare l’ex moglie e le figlie.