foto_balcone

Donna incinta precipita dal balcone: il bimbo è morto, lei è grave

Tragedia a Ischia

È ricoverata in gravi condizioni la donna che, incinta, è precipitata dal balcone da circa sette metri di altezza. La gestante ha riportato fratture agli arti inferiori, all’anca e alle vertebre, oltre ad un trauma cranico. Il piccolo che portava in grembo, purtroppo, è deceduto.

I fatti

Stando a quanto riportato da fanpage.it, la donna dopo la caduta è stata immediatamente soccorsa e portata in ospedale. Nella struttura, è stata stata visitata dai ginecologi dell’Unità operativa complessa di Ostetricia e Ginecologia diretta dal primario Claudio Santangelo.

foto_ambulanza

Leggi anche: Bimbo cade dal balcone mentre la mamma è al telefono VIDEO

Dalle analisi condotte, purtroppo, è emerso il decesso del piccolo alla settima settimana di gravidanza. Con tutta probabilità, il nascituro è stato ucciso dai traumi dovuti alla caduta.

La donna invece è stata sottoposta ad un delicato chirurgico, ed è attualmente ricoverata in Rianimazione al Cardarelli di Napoli. In queste ore i medici stanno valutando l’evoluzione delle fratture riportate agli arti, al bacino e alle vertebre ma soprattutto il trauma cranico subito dalla ragazza. Seppur preoccupante, fortunatamente la giovane non sarebbe in pericolo di vita.

Si tenta di ricostruire la dinamica dell’accaduto

Ora i Carabinieri di Ischia stanno interrogando alcuni vicini di casa e testimoni che potrebbero contribuire a ricostruire la dinamica dei fatti. Resta infatti da capire come la donna sia potuta precipitare per più di sette metri di altezza dal balcone della propria casa, dove stava passando la quarantena imposta in seguito all’emergenza COVID-19.

foto_ospedale

Pochi giorni fa, anche una bambina è precipitata dal balcone

Solo pochi giorni fa, a Caserta, è avvenuto un fatto simile: mentre giocava fuori il balcone di casa, un bambino di tre anni è morto dopo essere precipitato dal quarto piano. Il piccolo, dopo una notte di agonia in ospedale, non ce l’ha fatta a sopravvivere ad una caduta da più di quindici metri di altezza.