foto_vaccini

Decreto vaccini da oggi è ufficialmente legge: quali sono i vaccini obbligatori da settembre e quali multe sono previste per i genitori

Il decreto vaccini è stato approvato definitivamente in Camera ed è legge. I voti favorevoli sono stati 296 e quelli contrari 92: 15 anche gli astenuti. Contro hanno votato vari partiti: il Movimento 5 stelle e la Lega Nord. A favore del decreto hanno votato il Pd, Alternativa Popolare e Forza Italia. Gli astenuti sono i deputati di Sinistra Italiana Possibile e di Fratelli d’Italia. Il decreto legge che prevede 10 vaccini obbligatori era stato approvato dal Governo il 19 maggio scorso ed era stato firmato da Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica. Il decreto era quindi in vigore ma doveva essere convertito in legge dal Parlamento.

Cosa prevede il testo della Legge

Dopo l’approvazione del Governo e la firma di Mattarella, il decreto era passato in Senato. Lo scorso 20 luglio il decreto era stato approvato anche lì, per passare poi alla Camera. Il Governo aveva posto la fiducia alla Camera che è stata confermata la scorsa notte, tra il 27 e il 28 luglio, con 305 voti a favore, 147 contrari e due astenuti. Questa mattina, 28 luglio, intorno alle 9, è iniziato l’esame finale del testo con le votazioni degli ordini del giorno. Il voto finale è arrivato qualche minuto dopo mezzogiorno.

I vaccini obbligatori sono stati ridotti da 12 a 10 su proposta del Pd in Commissione di Senato. Quelli contro meningococco B e C non sono più obbligatori ma consigliati e gratuiti per chi vorrà farli ai propri figli.

Le 10 vaccinazioni obbligatorie sono: antipolio, antidifterica, antitetanica, antiepatite virale B, antipertosse, antiHaemophilus influenzae di tipo b, antimorbillo, antirosolia, antiparotite, antivaricella. Queste ultime 4 saranno obbligatorie fino a una successiva verifica sulla copertura che ci sarà nel 2020.

I primi sei saranno somministrati in forma esavalente e gli altri quattro in forma tetravalente. Se un bambino ha già passato una delle malattie per la quale è previsto il vaccino ed è quindi immune, dal vaccino verrà eliminato l’antigene della malattia per la quale è immune.

A chi è rivolta la legge e quali sono le sanzioni per chi non la rispetta

Ci saranno sanzioni per i genitori che scelgono di non vaccinare i figli che andranno da 100€ fino ad un massimo di 500€. Non si potrà più perdere la patria potestà. Sarà istituita un’anagrafe vaccinale che conterrà i dati relativi ai bambini riguardo le vaccinazioni.

L’obbligo vale per i bambini da 0 a 6 anni con alcune modalità e i bambini da 6 a 16 anni con altre. I bambini potranno essere iscritti agli asili nido e alle scuole materne solamente se vaccinati.


Leggi anche: Perché i vaccini sono obbligatori solo in Italia


Per i bambini dai 6 ai 16 anni, che per ovvie ragioni non possono non essere accettati presso la scuola primaria e quelle secondarie di primo e secondo grado, vi saranno sanzioni ai genitori.