foto_dark_web

Dark web, sevizie e torture sui bambini in diretta: denunciati due minorenni

Bambini amputati e seviziati: orrore nella dark web

Sono stati rintracciati e denunciati per pedopornografia ed istigazione a a delinquere due diciassettenni, un ragazzo ed una ragazza, residenti in Piemonte. Secondo i carabinieri di Siena e la Procura dei Minori di Firenze, ci sarebbero loro tra i mandanti dei video macabri che circolavano nel dark web e che ritraevano sevizie e violenze indicibili sui alcuni bambini.

L’avvio delle indagini

L’indagine, denominata “Delirio”, è partita ad ottobre 2019 ed ha al momento registrato 25 indagati, di cui 19 minorenni. Tutto ha avuto inizio dalla scoperta di una chat, rinominata “The Shoah Party”, che vedeva la partecipazione di minorenni provenienti da tutta Italia.

Leggi anche: Droga e violenta bimba di 4 anni, poi mette il video sul web: arrestato un 30enne

foto_abusi_minori

Le violenze in diretta

Con il tempo e con indagini dettagliate, si è arrivati a scoprire un mondo virtuale macabro ed orribile, in cui si poteva assistere anche live alle violenze sui bambini. In particolare, era possibile chiedere in diretta determinate azioni e compiti ai protagonisti del video. Il tutto avveniva a pagamento.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti i due diciassettenni fermati, tramite un sistema di criptovalute, erano riusciti ad accedere a siti nascosti nel dark web, dove interagivano con gli adulti chiedendo loro sevizie e torture sui bambini.

Leggi anche: Interpol scopre una ‘rete’ di pedofili: liberati 50 bambini

Amputazioni e decessi

In alcuni casi, si è arrivati addirittura alle amputazioni e alla morte. Poi, in una chat, i giovani si scambiavano i video con i coetanei residenti in tutta Italia. I luoghi dove avvenivano le torture, definiti dagli inquirenti ‘red rooms’, secondo i Carabinieri sarebbero stati localizzati nel Sud Est asiatico.

foto_dark_web

I fatti, secondo gli investigatori, hanno evidenziato

la parte più oscura e drammatica delle risultanze indiziarie, dove circolano immagini di efferata violenza, anche in situazioni ‘live’, in cui agli utenti che sono riusciti ad accedere a questi ambienti reconditi, viene consentito di interagire in condotte di violenza sessuale e tortura su minori, attuate in diretta da adulti.