Cose da fare e da non fare per ogni mese di gravidanza

La gravidanza comporta dei divieti, in alcuni casi serrati, in altri meno obbligatori. In questo articolo vi proponiamo per una gestazione che procede in maniera fisiologica e quindi senza rischi, una serie di cose da fare e da non fare per ogni mese d’attesa. Ovviamente per condizioni al di fuori della norma durante il periodo di gravidanza è doveroso farsi consigliare dal proprio ginecologo.

  1. Primo mese: si tratta dei 30 giorni in cui la donna non sa di essere incinta, perciò in questo mese se si cerca una gravidanza è bene evitare eccessi di alcool o di fumo, conducendo uno stile di vita equilibrato con una giusta dieta. Addirittura prima del concepimento si può fare una cura di acido folico e sottoporsi a delle analisi di routine per valutare lo stato di salute attuale per poi iniziare a provare a procreare.
  2. Secondo mese: si può fare una dieta sana, continuare a lavorare, ammesso che si faccia un’attività non pericolosa, si può viaggiare, si possono fare delle analisi ogni 30 giorni seguendo il calendario ginecologico, viene effettuata la prima ecografia intrauterina. Non si può fare molta attività sportiva; assumere farmaci senza prescrizione; non partire per paesi esteri in cui ci si deve sottoporre a profilassi complesse come vaccinazioni apposite; non bisogna mangiare carni e pesci crudi o formaggi ammuffiti per evitare, in caso non si siano contratte in precedenza, la toxoplasmosi e la listeriosi.
  3. Terzo mese: si può fare attenzione all’alimentazione. Non si può fare lo stesso che è scritto per il secondo mese.
  4. Quarto mese: si può fare una lieve attività fisica quale yoga, passeggiate all’aria aperta, nuotate soft… Non si può fare attività che comporti uno sforzo alla schiena o al pavimento pelvico.
  5. Quinto mese: si può fare ciò che si è continuato a fare fino a questo mese e soprattutto viene eseguita l’ecografia morfologica. Non si può fare ciò che non era consentito in precedenza.
  6. Sesto mese: si può fare una serie di compere non solo per se stesse, ma anche per il futuro nascituro, quindi meglio ordinare culla, passeggino, fasciatoio, qualche abitino… Non si può fare ciò che crea affaticamento fisico.
  7. Settimo mese: si può fare la borsa per l’ospedale e iniziare a sistemare la cameretta del bimbo, sempre facendosi aiutare. Non si possono fare lunghi spostamenti con qualsiasi mezzo di trasporto.
  8. Ottavo mese: si può fare ancora il proprio lavoro prima di entrare in maternità obbligatoria, facendo però le dovute pause. Non si può fare ciò che comporta eccessiva fatica.
  9. Nono mese: non resta che godersi questo ultimo mese di gestazione riposandosi e aspettando il fatidico giorno.
vacanze-in-gravidanza-mare- malesseri-gravidanza esercizi in gravidanza tenere un diario in gravidanza
<
>