foto_coronavirus_bambina

Coronavirus, morta una bimba di 5 anni

Coronavirus, tra le vittime anche una bambina

L’Italia piange una delle vittime più piccole del coronavirus. È infatti morta all’ospedale di Vipiteno, in Alto Adige, una bambina di soli cinque anni risultata positiva al COVID-19. La piccola, ricoverata nella struttura ospedaliera mercoledì, è deceduta dopo un giorno.

I fatti

Stando a quanto riportato dal portale Stol.it, la bambina soffriva di gravissime patologie per le quali era già da tempo in cura. Ricoverata mercoledì presso l’ospedale di Vipiteno – comune di Bolzano – la condizioni della piccola sarebbero repentinamente peggiorate, fino al decesso avvenuto giovedì 2 aprile.

foto_coronavirus

Leggi anche: Coronavirus, i bambini possono uscire con i genitori? Il Viminale fa chiarezza

128 i deceduti in Trentino Alto Adige

La bambina è una delle otto vittime del coronavirus registrate nelle ultime ore in Trentino Alto Adige, regione nella quale i deceduti totali sono al momento 128. Il bilancio, nell’ultimo bollettino emesso dalla Provincia di Bolzano e dell’Azienda sanitaria, parla in totale di 1.443 casi.

La nuova ordinanza

Ecco perché il presidente della provincia autonoma di Bolzano e della Regione autonoma del Trentino-Alto Adige Arno Kompatscher ha emesso una ordinanza nella quale è previsto l’obbligo, per tutta la popolazione altoatesina, di coprirsi naso e bocca ogni volta che si esce di casa. In caso di assenza di mascherine, devono essere necessariamente utilizzate una sciarpa, una fascia, uno scaldacollo o una maschera protettiva.

coronavirus bambini

Tutti coloro che vivono nella stessa famiglia potranno uscire insieme per una breve passeggiata, ma il giro dell’isolato non deve assolutamente diventare una gita oppure un’occasione per incontrare amici.

ha specificato Kompatscher.

Leggi anche: Coronavirus, Bonetti: “Nel nuovo decreto un bonus figli da 80 a 160 euro per minore”

Oltre a questo prevediamo qualche alleggerimento a livello locale: il coprirsi bocca e naso quando ci si avvicina ad altre persone. Non è prevista una multa ma resta un dovere civico.

ha poi aggiunto.

L’ordinanza consente inoltre di lavorare da soli in officina oppure in ufficio, escludendo però qualsiasi contatto con fornitori e clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *