coronavirus in gravidanza

Coronavirus, le donne incinte rischiano di trasmettere l’infezione al feto?

Coronavirus in gravidanza

Come sappiamo, il Coronavirus è giunto anche in Italia e i casi di contagio aumentano di ora in ora, così come la paura.

Nella lista delle persone più spaventate, compaiono, di sicuro, le donne incinte.

La loro paura è aumentata soprattutto dal fatto che uno dei primi casi di contagio sia stato proprio quello di una donna incinta.

Ma capiamo quali sono i rischi del contagio da Coronavirus in gravidanza.

Il caso di Codogno

V.S. è una professoressa 38enne di Codogno, che si trova tra il settimo e l’ottavo mese di gravidanza ed è ricoverata all’ospedale Sacco di Milano perché contagiata dal Coronavirus.

La donna è stata contagiata dal marito, M.M., il primo paziente di Codogno a esser stato colpito dal COVID-19.

Quando è stata trasferita da Codogno a Milano, però, la donna non aveva alcun sintomo e stava bene.

La gravidanza e il Coronavirus: rischi maggiori?

La gravidanza è un periodo in cui la donna è maggiormente sottoposta a infezioni e virus, perché il sistema immunitario è compromesso.

Proprio per questo le future mamme sono preoccupate dal Coronavirus, sia per la propria salute, sia per la preoccupazione di trasmettere il virus al proprio bambino.

Per evitare falsi allarmismi, riportiamo le parole di Susanna Esposito, dirigente della clinica pediatrica dell’ospedale Piero Barillà di Parma e presidentessa dell’Associazione mondiale per le malattie infettive e i disordini immunologici.

La dottoressa Esposito, intervistata da “La Repubblica”, ha tranquillizzato le donne in gravidanza sul fatto che non siano più a rischio degli altri, perché i rischi sono:

Uguali a quelle di tutti gli altri: lavarsi le mani spesso e bene col sapone, evitare luoghi e contatti a rischio. Devono stare tranquille le future mamme: il pericolo per loro non è maggiore o diverso che per il resto della popolazione.

Le precauzioni da seguire, quindi, sono le stesse per tutti:

  • lavare e disinfettare bene le mani;
  • evitare i luoghi molto affollati.

coronavirus in gravidanza

Leggi anche: Coronavirus: bimba cinese torna dalle vacanze, ma nessuno si presenta a scuola

Coronavirus in gravidanza: quali conseguenze?

Quindi, le donne incinte non presentano maggiori rischi di contagio, ma ciò che preoccupa le mamme è sapere se, in caso di contagio, il virus sia trasmesso al feto.

La dottoressa Esposito ha confermato questa possibilità, sebbene non vi siano stati ancora casi.

Ad ogni modo, la situazione varia sempre in base al sistema immunitario della donna, lo stato della gravidanza e l’eventuale presenza di patologie come lipertensione o l’obesità, che esporrebbero la donna a rischi maggiori.

Ci sarebbero maggiori rischi in caso di contagio durante i primi mesi di gravidanza, che potrebbe comportare:

  • problemi polmonari;
  • problemi neurologici;
  • aborto spontaneo.

Si tratta, però, di problematiche simili a quelle di qualsiasi infezione in gravidanza.

Come tutte le infezioni virali, anche nel coronavirus c’è la possibilità che una madre la passi al figlio. Sino ad oggi però non abbiamo notizia, e neppure dati certificati dai cinesi di trasmissione durante la gravidanza. […] Mettiamo in chiaro che più la donna ha sintomi forti, e quindi carica virale, più elevata è la possibilità di trasmettere l’infezione. Non sappiamo esattamente l’impatto negli ultimi mesi di gestazione, ma abbiamo dati riguardo a cosa le infezioni virali possono provocare all’inizio della gravidanza: aborti ma anche problemi allo sviluppo polmonare o neurologico del feto.

Susanna Esposito aggiunge che, in caso di contagio durante la fase finale della gravidanza, si tenderebbe a preferire il taglio cesareo, perché:

Lo si consiglia nei casi di infezione virale, dopo la 34 settimana, perché riduce il pericolo di contagio al neonato durante il parto.

coronavirus in gravidanza

Leggi anche: Coronavirus: le precauzioni per i bambini