foto_bimba_lettera_polizia

Coronavirus, la lettera di una bambina che ha commosso l’Italia VIDEO

Coronavirus, una bimba scrive una lettera alla Polizia

Sta facendo il giro del web, e commuovendo l’Italia intera, la lettera che una bambina ha voluto scrivere alla Polizia in questo particolare e difficile momento legato all’emergenza coronavirus. La piccola, che si chiama Noemi, ha chiamato grazie all’aiuto dei genitori la Questura di Viterbo, a cui ha voluto leggere quanto messo nero su bianco.

La lettera di Noemi agli agenti di Polizia

Buonasera, sono Noemi, una bambina, e volevo ringraziarvi con una lettera. Posso leggerla?

Comincia così il testo della bimba che, esortata dall’agente 23 della Questura che ha risposto al telefono, ha voluto ringraziare gli agenti per il lavoro che stanno svolgendo con impegno, coraggio e determinazione in queste settimane.

foto_polizia

Leggi anche: Neonati e rischi da coronavirus: come tenerli in braccio proteggendo la loro salute

tampone-coronavirus

Cari poliziotti, vi volevo dire che il vostro è un bellissimo e rischioso lavoro e vi state dando molto da fare soprattutto con questa emergenza del Coronavirus. State passando di strada in strada a dire a tutti i cittadini di rimanere in casa anche se purtroppo alcune persone non rispettano le regole. Continuate a essere meravigliosi

ha detto la bimba, che poi ha concluso:

Un grande grazie ai medici che anche loro stanno facendo un faticoso lavoro per cercare di salvare tante persone malate. Un grazie a tutti voi da Noemi. Vi voglio bene.

Commosso il ringraziamento dell’agente di Polizia, che ha poi condiviso l’inaspettata e toccante telefonata sul proprio profilo Twitter.

Leggi anche: Coronavirus, la previsione degli esperti: si toccherà quota 90mila casi in Italia

Il ringraziamento della Polizia

Nel post condiviso dall’account ufficiale della Polizia di Stato, si fa appello alla saggezza della piccola Noemi che, nonostante la tenera età, ha la consapevolezza dell’importanza di restare a casa.

Ai bambini che ci sono vicini con il loro affetto diciamo di giocare a casa. Presto potremo incontrarci nuovamente tutti in strada e potremo salutarci, abbracciarci e fare foto, passando ancora tanti bei momenti insieme

si legge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *