foto_coppetta_mestruale

Coppetta mestruale: la nuova alternativa agli assorbenti

La coppetta mestruale si sta diffondendo sempre di più tra le donne, come alternativa economica ed ecologica rispetto ai classici assorbenti esterni e tamponi interni. Ma non sono solo gli aspetti monetari o legati all’ambiente a farne la nuova compagna di “quei giorni” di moltissime donne, tantissimi infatti sono i vantaggi legati al suo utilizzo.

Perché scegliere di usare una coppa mestruale? Come dicevamo, i pregi legati al suo utilizzo sono moltissimi. Prima di tutto per la meravigliosa sensazione di confort che offre rispetto agli assorbenti esterni, grazie alla quale è possibile praticare in tutta libertà qualunque attività sportiva e indossare ogni tipo di indumento, senza doversi preoccupare di eventuali imbarazzanti perdite.

La coppetta mestruale, inoltre, riduce notevolmente qualunque rischio di irritazione o infiammazione, caratteristica invece tipica degli assorbenti e dei tamponi, essendo fatta di materiale anallergico, molto spesso silicone medicale.

Grazie alla coppetta mestruale direte addio ad ogni tipo di odore; con il suo utilizzo infatti il sangue raccolto non è a contatto con le vostre mucose e non è esposto direttamente all’aria, evitando così la proliferazione batterica.

Questo è possibile grazie alla sua forma, che permette la raccolta del sangue e, a differenza dei sistemi più tradizionali, non assorbe il flusso. In questo modo viene mantenuto inalterato il grado di umidità della vagina.

La coppetta mestruale è adatta a tutte le donne in età fertile e permette il suo utilizzo anche in contemporanea con i sistemi contraccettivi quali la spirale e l’anello.
Non ultimo, l’aspetto economico ed ecologico che accennavamo in apertura: una coppetta mestruale costa dai 18 ai 30 euro circa ed è riutilizzabile per moltissimi flussi, va sostituita infatti solo dopo parecchi anni. Questo permette un evidente risparmio di soldi e un chiaro vantaggio per la natura.

Ma come scegliere la coppetta più adatta per le proprie esigenze?
In commercio sono disponibili moltissimi modelli che variano sia dal punto funzionale, offrendo coppette mestruali più o meno capienti e con diversi gradi di morbidezza, sia dal punto di vista estetico, proponendo dalle versioni più classiche trasparenti, a quelle colorante, fino ad arrivare alle “limited edition” glitterate.

Il criterio da adottare nella scelta della vostra coppetta mestruale deve considerare una serie di fattori. Per prima cosa la quantità del vostro flusso mestruale deve orientarvi nella decisione, ragion per cui perdite ematiche più abbondanti richiedono maggiori capienze. Altri aspetti da tenere in considerazione sono l’aver partorito per via vaginale, l’età, il livello di tonicità del pavimento pelvico e la posizione che assume la cervice durante i giorni del ciclo mestruale.

Tutti questi aspetti, all’apparenza così complessi, sono facilmente individuabili attraverso l’osservazione del proprio corpo. Un’alternativa per affrontare questa iniziale difficoltà, può essere quella di rivolgersi alla propria ostetrica di fiducia, con la quale scegliere la coppetta mestruale più adatta al proprio caso.

Barbara Bianca Rossato