Come rendere la cucina a prova di bambino

Quando i bambini sono piccoli bisogna rivedere la sicurezza in casa. E’ facile, infatti, incappare in fili della corrente, così come procurarsi tagli e ustioni varie. Tra le stanze più insidiose c’è sicuramente la cucina, un luogo dove, dopo l’arrivo dei più piccoli, è bene apportare degli accorgimenti.

In cucina, secondo le recenti statistiche, avvengono quasi il 40% degli incidenti domestici, soprattutto nella fascia che va dagli zero ai cinque anni. Questa stanza è tra le più pericolose della casa, visto che è qui che si concentra la maggior parte della vita famigliare.

Quando si hanno bambini piccoli è bene stare sempre attente al forno acceso, ma anche a pentole e fornelli che possono facilmente provocare delle ustioni. Per questo è consigliabile non cucinare con il figlio in braccio o che gironzola liberamente intorno agli strumenti da cucina.

Occhio poi a non lasciare i coltelli in zone facilmente raggiungibili dai figli, così come i detersivi che molto spesso vengono lasciati nella parte bassa della cucina, anziché negli scaffali più alti dove sono difficilmente raggiungibili dai piccoli.

In cucina attenzione anche alla tovaglia: non è difficile che un bambino si appendi e la tiri, rovesciando così addosso quanto c’è sopra. Dunque, non dimenticate di acquistare un ferma-tovaglia per evitare questo banale incidente, che potrebbe rivelarsi fatale.

Massima allerta poi per le prese elettriche, che devono essere a norma di bebè, come suggerisce anche il Ministero della Salute. Nei cassetti più bassi, che di solito sono alla portata del bambino, bisogna tenere solo le cose più innocue, come ad esempio gli strofinacci. Tutto quello che può essere pericoloso o dannoso deve essere riposto negli scaffali più alti.

Visto che parliamo di cucina non dimentichiamo mai di curare l’alimentazione del bambino: il rischio soffocamento è sempre dietro l’angolo e alcuni cibi sono più pericolosi di altri.

Curiosa, testarda e determinata. Laureata in Comunicazione, Editoria e Scrittura, ho iniziato a lavorare nel mondo del giornalismo all'età di 18 anni. Adoro i bambini e la loro purezza; sogno una famiglia numerosa con 5 figlie femmine. Riuscirò nell'impresa? Intanto mi alleno scrivendo per Passione Mamma! Email: a.latilla@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *