foto_mamma_dorme

Come prolungare l’allattamento al seno? Dormendo con il neonato

L’allattamento al seno è un’esperienza indescrivibile, quasi magica, che molto spesso si interrompe bruscamente. Per prolungare questo momento – che ha grossi benefici sia sulla mamma sia sul bambino – è fondamentale dormire con il neonato. Sì, proprio così, il famoso co-sleeping può aiutare una donna ad avere più a lungo il latte.

A ribadire la nuova scoperta è uno studio pubblicato su Acta Paediatrica da un gruppo di ricercatori della Durham University (Regno Unito), secondo cui il 77% delle donne che condivide il letto con il neonato riesce ad allattare al seno fino al compimento dei sei mesi di età del bambino, mentre chi preferisce far dormire il bambino in culla ha più difficoltà a portare a termine l’impresa.

Secondo gli studiosi basta dormire con il neonato anche una sola ora al giorno per far sì che il rapporto tra madre e figlio sia ben saldo e la donna riesca a portare avanti l’allattamento al seno. Non solo, anche la propensione alle poppate è fondamentale: stando alle ricerche effettuate, chi già durante la gravidanza desiderava allattare ha maggiori probabilità di farlo più a lungo.

L’allattamento prolungato (che può andare anche oltre i classici sei mesi) garantisce maggiori benefici per il bambino, che sono più rilassati, calmi e con un sistema immunitario maggiormente sviluppato.

allattamento-al-seno allattamento-al-seno allattamento allattamento
<
>