foto_dialogo

Come presentare il nuovo compagno ai figli

Ecco finalmente un nuovo amore! La voglia di uscire, di stare insieme e conoscersi sono esigenze normali per una coppia appena nata. Ma come conciliare questi desideri con l’equilibrio familiare? Quando e come presentare questa persona ai figli? Ogni storia evolve con specifiche dinamiche, spesso molto differenti tra loro, per questo è difficile generalizzare. Il buon senso, il rispetto per i figli e per sé stessi sono indicazioni sempre valide.

Per un primo periodo è meglio frequentare il “nostro” amore senza coinvolgere i figli, per capire se la storia avrà un seguito; altrimenti non è necessario trascinare i bambini, a prescindere dalla loro età, in storie passeggere, rischiando di esporli a nuovi distacchi e sentimenti che potrebbero, eventualmente, innescare o alimentare insicurezza.

I nostri bimbi sono già stati scombussolati dalla separazione con l’altro genitore e l’equilibrio raggiunto, a volte con non poche difficoltà, va difeso per la loro serenità.

Se la storia procede ed il desiderio di consolidarla aumenta, possiamo preparare i figli ad un eventuale incontro. Senza giri di parole, nel modo più spontaneo possibile, iniziamo dicendo loro che abbiamo conosciuto una persona che ci piace, con cui stiamo bene e vorremmo fargliela conoscere. Quindi osserviamo la loro reazione. In alcuni casi sono incuriositi e ci rispondono subito di si.

Se la loro risposta è diversa, cerchiamo di capire perché. La nostra disponibilità all’ascolto ed al dialogo resta lo strumento elettivo per favorire i cambiamenti in famiglia. Magari hanno paura di perdere la nostra attenzione o il nostro affetto. In questi casi possiamo tranquillizzarli e rassicurarli. Ricordiamoci che più il clima familiare è sereno, maggiore sarà la loro disponibilità a questo incontro.

Quindi possiamo organizzare un pomeriggio al parco, in gelateria, in ogni caso in un posto fuori casa, per renderlo il più neutrale possibile, in questo modo i bambini non si sentiranno invasi nei loro spazi. La persona che incontreranno ha un rapporto profondo con voi ma per i nostri figli si tratta di un estraneo e ci vorrà un po’ di tempo per farlo entrare completamente in famiglia.