foto_cambiare canale

Come far cambiare canale tv al bambino di buon grado

Anche a voi è capitato di chiedere più volte a vostro figlio di cambiare canale tv senza essere ascoltati? Quali strategie avete provato? Passare dalle promesse alle minacce non è un buon metodo, anche perché spesso non funziona!

Seguire tutti i consigli per un corretto uso della televisione a volte non è sufficiente per mettere i nostri figli al riparo da tutti i rischi che comporta.

Stabilire delle regole che definiscano tempi e modi di fruizione della televisione diventa importante, perché fornisce al bambino delle certezze rispetto a come può relazionarsi a questo apparecchio e, se il bambino interiorizza certe prassi, serve anche a prevenire le dinamiche di conflitto che possono conseguire alle richieste del genitore di spegnere la tv o di cambiare canale.

Le misure che può essere utile prendere in relazione all’utilizzo della tv sono:

  • definire i tempi, stabilire delle fasce orarie o il momento della giornata dedicato alla visione;
  • chiarire le modalità della visione: si guarda dove e con chi;
  • fare una lista di canali permessi.

Quando il bambino avrà fatto proprie le regole che gli sono state suggerite, facendole diventare abitudini, il compito del genitore sarà probabilmente più facile.
Attenzione però che le programmazioni televisive cambiano di frequente, così come le necessità dei nostri bambini che, ad un certo punto, potrebbero avere delle richieste specifiche, magari rispetto ad un cartone animato del quale hanno sentito parlare dai loro amici. A quel punto sta a noi decidere se vogliamo lasciare spazio ad una contrattazione o se pensiamo che le prassi non abbiano bisogno di subire cambiamenti.

Anche trovare un ritaglio di tempo nel quale condividere la visione di uno spettacolo può risultare utile. I bambini posso trarre giovamento dalla nostra presenza per avere chiarimenti e rassicurazioni.
Certo, per un genitore che lavora non è facile stare a vedere i cartoni animati, anche se ce ne sono alcuni davvero carini come Peppa Pig e Masha e l’orso, quando si potrebbe fare dell’altro, mentre il bimbo viene intrattenuto da immagini e suoni.

Ma, se non ci si può proprio fermare mezz’oretta sul divano quando la tv è accesa, è sempre meglio stare nei paraggi per controllare che, inavvertitamente, si imbatta in qualche programma inappropriato o che nostro figlio sia eccessivamente sottoposto ad un bombardamento pubblicitario.

Ma, se siamo proprio noi a chiedere al bambino di interrompere la routine e cambiare canale? Ecco alcuni consigli per convincere il bambino a cambiare canale di buon grado:

  • spiegare con parole chiare ed in modo sereno il motivo per il quale vorremo che cambiasse canale;
  • mettere in luce gli aspetti negativi dello spettacolo che stanno trasmettendo;
  • proporgli un’alternativa che lo coinvolga attivamente, meglio se insieme.

Riuscire a convincere il bambino a rinunciare alla tv per dedicarsi ad un’altra attività è spesso un’impresa difficile. Proporre di impegnarsi insieme in un’altra occupazione che lo interessa può sicuramente aiutarlo ad allontanarsi di buon grado dalla tv. Nostro figlio sarà felice di dedicarci il suo tempo, se noi per primi saremo disponibili a concedergli la nostra attenzione per qualche momento in più.