foto_orecchie bambino

Come eliminare il cerume nei bambini

La cura dell’igiene delle orecchie del neonato e del bambino è estremamente importante per garantire la corretta salute del canale uditivo, allo stesso tempo è una pratica che richiede anche un’estrema delicatezza. E se è vero che il cerume non andrebbe mai eliminato del tutto perché funge da protezione naturale contro aggressioni batteriche esterne, è altrettanto vero che le orecchie vanno pulite tutti i giorni per evitare dolorose conseguenze, per esempio la formazione del cosiddetto tappo di cerume.

Per quanto riguarda le cause che provocano questa formazione, c’è sicuramente una pulizia carente; la presenza di piccoli corpi estranei nel condotto uditivo; un’anomala alterazione nella produzione di cerume.

Spesso il tappo di cerume nelle orecchie dei bambini può essere dovuto anche agli stessi adulti che, cercando di pulire le orecchie del bambino con i cotton fioc o acqua e sapone, in realtà spingono il cerume in profondità e lo rendono ancora più compatto.

Solitamente quando si forma il tappo di cerume si nota un rigonfiamento nella parte finale del condotto uditivo, oltre al fatto che provoca dolore.


Leggi anche: Come pulire bene le orecchie del bambino in 5 mosse


Quando ci accorgiamo che il nostro bambino si trova in queste condizioni, è assolutamente sconsigliato cercare di risolvere il disagio a casa: il bimbo va portato preferibilmente da un otorinolaringoiatra che accerterà la formazione eccessiva di cerume e lo estrarrà. Il ruolo dei genitori sarà piuttosto quello di tenere tranquillo il bimbo e possibilmente fermo durante l’operazione di estrazione.

Di solito il tappo di cerume viene via attraverso una manovra di lavaggio ben precisa, a volte preceduta dall’introduzione di sostante emollienti tipo l’olio di oliva. In casi estremi servono delle piccolissime pinze di tipo auricolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *