foto_cocomelon

Cocomelon: ecco il video per bambini più raccomandato da Youtube

Cocomelon: cos’è e perché in pochi lo conoscono

Probabilmente la maggior parte di voi non ha mai sentito parlare di Cocomelon. Eppure, questo canale YouTube è il più raccomandato dagli algoritmi della nota piattaforma video. Ma cos’è Cocomelon, e perché nessuno lo conosce? Vediamolo insieme.

Il fenomeno Cocomelon

Il video Cocomelon, il cui titolo originale è Bath Song | +More Nursery Rhymes & Kids Songs – Cocomelon (ABCkidTV), dura circa mezz’ora e comprende una compilation di canzoni per bambini scritte con un intento fortemente pedagogico ed educativo. YouTube ha raccomandato questo video in ben 650 dei 696.468 suggerimenti.

foto_cocomelon_cartone

Leggi anche:

Il canale YouTube di Cocomelon conta al momento più di 60 milioni di iscritti, ed ogni video colleziona milioni di visualizzazioni e commenti. Ogni singola canzone è scritta e cantata in lingua inglese, ma ciò non toglie che possa avere, anche per i bimbi italiani, l’intento pedagogico sopracitato.

I video e la loro funzione

Ogni video è realizzato con una animazione colorata, dinamica e divertente, che cattura l’attenzione dei più piccoli, e allo stesso tempo li diverte. Grazie ai video di Cocomelon, molti infanti hanno iniziato ad imparare i numeri, ma anche i nomi degli animali, oppure a classificare le emozioni. Il video più visto di CoCoMelon è quello che vede due piccoli protagonisti giocare mentre fanno il bagno: questo conta ben un miliardo e mezzo di visualizzazioni!

Il successo

I personaggi di Cocomelon, che nella maggior parte dei video sono dei bambini stilizzati, diventano i migliori amici dei nostri figli. Nonostante il canale CoCoMelon esista su YouTube da settembre del 2006, è tra il 2017 e il 2018 che ha raggiunto il successo: il canale è passato da 123 milioni di visite all’anno a ben 1,96 miliardi di visitatori.

YouTube Kids

Molti genitori però sono restii a lasciar navigare i propri figli su YouTube Ecco perché la piattaforma video più famosa al mondo, spinta anche dalla necessità di tutelare un pubblico di minori, ha provveduto alla creazione di uno spazio meno esposto e più sicuro, chiamato YouTube Kids.

Leggi anche:

Questo consente di selezionare solo quei canali che producono contenuti affidabili ed educativi, evitando che i bambini cadano nella ‘trappola’ della Rete, con il rischio di essere esposti a contenuti non idonei alla loro età.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *