foto_scuola_cina_cappelli

Cina, il rientro a scuola dei bimbi: mascherine e cappelli per il distanziamento FOTO

Cina, si prova a tornare alla normalità

In Cina c’è voglia di tornare alla normalità. Dopo aver sconfitto (o quasi) il coronavirus, il governo ha deciso di riaprire le scuole e far tornare i bambini ed i ragazzi in aula, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza e tutela. A Hangzhou, nella provincia di Zhejiang, i piccoli alunni sono rientrati in aula ieri, tra mascherine e cappelli “con le ali” per mantenere il distanziamento di un metro.

Dalle mascherine ai cappelli “con le ali”: ecco come tutelar i bimbi a scuola

Quella della scuola in questione, come dichiarato dallo stesso preside Hong Feng, è stata un’idea creativa volta, però, al rispetto delle misure anti contagio. Ecco dunque i piccoli alunni dell’istituto elementare indossare dei cappellini con l’aggiunta di “ali” di cartone che, posti ai lati dei berretti, permettono di mantenere la distanza di circa un metro e mezzo l’uno dall’altro.

Leggi anche: Come piccoli astronauti, i neonati con lo scudo facciale per proteggerli dal virus

foto_scuola_cina_cappelli
Foto: Zhejiang Daily

Le foto degli alunni sono diventate immediatamente virali, ed hanno fatto in pochissimo tempo il giro dei social network.

Incoraggiamo gli studenti a indossare questi cappelli per stare ad almeno un metro di distanza gli uni dagli altri

ha dichiarato il preside della Yangzheng Primary School ai media locali.

foto_cina_cappelli
Foto: Zhejiang Daily

Italia, ufficiale la riapertura delle scuole a settembre

Se in Cina si è dunque tornati in classe, i bambini e gli adolescenti italiani dovranno aspettare il mese di settembre. Come ufficializzato nell’ultimo decreto del Governo, in Italia gli istituti di ogni ordine e grado riapriranno immediatamente dopo l’estate, nella speranza che l’emergenza legata al coronavirus sia finita.

Per chi dovrà sostenere la maturità, come annunciato anche dal ministro Lucia Azzolina, il metodo adottato è quello della videoconferenza con i professori. Anche le lezioni dei più piccoli proseguiranno online, tramite la didattica a distanza sperimentata in questi due mesi da maestre ed alunni di tutta Italia.