foto bimbo soldi

Bonus nido finalmente attivo: mille euro per i primi tre anni del bambino

Presto arriverà nelle tasche delle mamme il bonus nido. Il decreto attuativo relativo a questo bonus è stato infatti pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Il decreto rende operativo questo sussidio previsto nella Legge di Stabilità 2017. Il bonus nido prevede l’erogazione di 1000€ annui che andranno a coprire parte della spesa per la retta degli asili nido. Inoltre il bonus prevede di spendere questi soldi per l’assistenza domiciliare in caso di bambini affetti da gravi patologie.

In cosa consiste il buono nido?

Il buono nido prevede un voucher del valore massimo di 1000€. Il bonus sarà erogato in 11 mensilità: si tratta quindi di circa 91€ al mese. Il bonus è valido per i primi 3 anni del bambino e serve a coprire parte della retta degli asili nido pubblici e privati. Per i bambini affetti da gravi patologie che non possono quindi frequentare il nido, il voucher serve a coprire una parte della spesa per l’assistenza domiciliare.

Tutti i genitori italiani, europei ed extracomunitari in possesso di un regolare permesso di soggiorno possono richiedere il bonus nido. Non ci sono limiti di Isee per fare richiesta di questo bonus: tutti i genitori possono richiederlo, indipendentemente dall’indice di ricchezza.

I genitori che richiedono il contributo mensile in voucher devono presentare la documentazione dell’avvenuto pagamento della retta dell’asilo pubblico o privato nel quale il bambino è stato iscritto.

La domanda va presentata online sul sito INPS. Il contributo sarà versato secondo l’ordine di presentazione delle domande e sarà erogato fino al raggiungimento della somma prevista per il 2017, ovvero 144 milioni di euro.

Per i bambini affetti da gravi patologie, per i quali i genitori devono richiedere l’assistenza domiciliare, bisogna allegare l’attestazione rilasciata dal pediatra. L’attestazione deve certificare che il bambino è impossibilitato a frequentare un asilo pubblico o privato e ha quindi bisogno di un’assistenza a casa a causa di una patologia cronica.