foto_bonus

Bonus mamme 2017 attivo da maggio: come si farà la domanda

A maggio arriverà il Bonus mamme domani 2017. Dopo mesi di silenzio da parte dell’Istituto di Previdenza, finalmente la bella notizia. Il bonus verrà erogato alle donne che partoriranno nel 2017. Il Bonus è previsto dalla Legge di Stabilità 2017. Verranno erogati 600 milioni destinati a mamme con i figli piccoli. Come funziona il Bonus mamme e come si fa domanda per ricevere il sussidio?

Il Bonus mamme domani 2017 prevede l’erogazione di 800 euro e potrà essere richiesto a partire dal settimo mese di gravidanza. Tutte le donne che hanno partorito o che partoriranno nel 2017 possono farne richiesta. Non ci sono infatti limiti di Isee. L’obiettivo è proprio quello di aiutare le famiglie con un bambino appena nato. Come fanno le mamme a richiedere il bonus?

Come chiedere il Bonus mamme 2017

Ci sono due modi per richiedere l’agevolazione. La richiesta si può fare tramite procedura telematica e non telematica. Dal mese di maggio il modulo per la domanda sarà scaricabile dal sito dell’Inps. Insieme alla domanda si potrà scaricare la lista dei documenti che vanno allegati insieme alla domanda. La domanda sarà compilabile online e potrà anche essere inoltrata.

Chi è in possesso di uno strumento per accedere ai servizi telematici della Pubblica Amministrazione, come la SPID, ovvero l’identità digitale, potrà anche compilare la domanda accedendo al sistema dell’Istituto di Previdenza.

Chi non è in grado di utilizzare gli strumenti elettronici può fare la domanda recandosi in uno degli uffici previsti. Si ci può recare al Patronato: in questo caso gli addetti agli enti di patrocinio aiuteranno la mamma nella compilazione della domanda. Ci si può rivolgere anche al CAF o si può chiamare il numero verde dell’Inps per chiedere informazioni.

Il direttore generale dell’Inps ha rassicurato le future mamme: “Sul bonus mamme stiamo lavorando affinché per i primi giorni di maggio sia possibile fare le domande on line e per la metà di maggio sia possibile liquidare la maggior parte possibile dei contributi.”