foto_soldi_e_gravidanza

Bonus Mamma domani attivo: come fare domanda per avere 800 euro

Bonus Mamma Domani, come avere 800 euro: requisiti e come fare domanda

È finalmente attivo il Bonus Mamma Domani, ovvero il contributo statale per le donne che partoriscono nel 2017. L’agevolazione consiste in 800 euro e non ha vincoli Isee, quindi possono richiederlo tutte le future mamme. Per avere questo bonus basta essere cittadine italiane in stato interessante.

Bonus Mamma domani: i requisiti per fare domanda

Per avere 800 euro da spendere rigorosamente per ecografie, visite mediche, corredino del neonato e altre spese per il pre e post parto, basta aspettare un bambino a partire dal primo gennaio 2017. Possono dunque richiederlo anche le mamme che hanno già avuto un parto nei mesi di gennaio e febbraio. È fondamentale che chi presenti la domanda sia già entrata nel settimo mese di gravidanza. Questa imposizione è stata stabilita perché nei primi mesi di gestazione è facile incappare in un aborto spontaneo.

Bonus Mamma domani: come presentare la domanda

La domanda va presentata dopo il compimento del 7° mese di gravidanza e va corredata della certificazione sanitaria rilasciata dal medico specialista del Servizio sanitario nazionale, attestante la data presunta del parto. Se la domanda del premio viene presentata quando il parto è già avvenuto, la madre dovrà auto certificare nella domanda la data del parto e le generalità del bambino. La domanda va inoltrata presso l’Inps, che è l’ente che gestisce il contributo.

Bonus Mamma domani per genitori stranieri e figli adottati

Possono richiedere questo bonus anche i genitori stranieri, per la precisione le cittadine non comunitarie in possesso dello status di rifugiato politico e protezione sussidiaria. Ma anche quelle non comunitarie, con regolare permesso di soggiorno. Questo Bonus può essere richiesto pure in caso di adozioni che vengono effettuate sempre nel 2017.

Il premio nascita viene elargito in un’unica soluzione dall’Inps e non concorre alla formazione del reddito complessivo. Nei prossimi giorni sempre l’Ente comunicherà le istruzioni procedurali e quelle contabili per i pagamenti.