bonus bebe rimandato

Bonus Bebè 2017, pagamenti in ritardo: l’Inps spiega il motivo

Bonus Bebè pagamenti 2017: perché i soldi dell’Inps non sono ancora arrivati?

Ancora grane per i genitori italiani. L’Inps non sta versando i pagamenti del Bonus Bebè 2017. Le mensilità di gennaio e febbraio non sono ancora state versate. Dall’inizio dell’anno ben sette mila famiglie che possiedono i requisiti per ricevere l’agevolazione non hanno visto neppure un centesimo. Il motivo? A quanto pare si tratta di un effettivo ritardo dei pagamenti dovuto ad alcuni problemi riscontrati all’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale.

Come spiegato in un’intervista a La Notizia, l’Inps ha avuto delle pratiche burocratiche da sbrigare che hanno rallentato i lavori e più precisamente i pagamenti.

“Le richieste già liquidate sono 280.000, i pagamenti delle ultime 7.300 domande rimanenti saranno disponibili la prossima settimana. Abbiamo dovuto controllare tutta la documentazione Isee” hanno spiegato dall’Istituto.

Bonus Mamma Domani: 800 euro alle donne incinte, domande bloccate

Dunque, tocca aspettare. Così come tocca aspettare per il Bonus Mamma Domani, il nuovo contributo statale per chi resta incinta nel 2017. L’Inps ha chiarito i requisiti per fare domanda ma non ha attivato i moduli per avviare la pratica. Quando lo farà? Secondo delle indiscrezioni, la situazione verrà sbloccata tra la fine di marzo e l’inizio di aprile.

Bonus Mamma Domani requisiti: non ci sono limiti di reddito Isee da rispettare, tutte le donne che partoriscono possono richiederlo. Per avere questo aiuto economico basta essere cittadine italiane e in stato interessante. Pure le mamme straniere possono richiederlo, purché siano in possesso di regolare permesso di soggiorno. La domanda può essere fatta solo a partire dal settimo mese di gestazione. Una scelta dettata dalla possibilità di avere un aborto spontaneo nei mesi precedenti. A ogni persona incinta spettano ben 800 euro da usare per ecografie, corredino del neonato ed altri bene di prima necessità per il piccolo in arrivo.

Bonus Bebè 2017: requisiti e come fare domanda

Si può invece fare sempre domanda per il Bonus Bebè, anche se al momento i pagamenti sono bloccati. La richiesta va fatta entro novanta giorni dal parto. La domanda può essere fatta pure oltre i tre mesi ma è chiaro che si perderanno poi i contributi dei primi giorni.

Bonus Bebè requisiti: bisogna avere un reddito Isee non superiore ai 25 mila euro. Se non si va oltre i 7 mila euro, il bonus raddoppia: da 80 euro si arrivano a percepire 160 euro al mese.